Fuoristrada

Italiano Enduro: i Mini in scena a Monticello d’Alba

Secondo atto per i cuccioli della specialità che si daranno appuntamento nella provincia di Cuneo per un’altra sfida tricolore. Uomini da battere Pellegrinelli e Schito.


 


A più di un mese di distanza dal debutto stagionale il “futuro dell”Enduro” scende nuovamente in campo, convocato per il secondo atto. Dopo la prova inaugurale corsa in abbinamento all’Italiano Hard Race TCX a Guastalla (RE) lo scorso 16 febbraio, la colorata e rombante carovana dell’enduro farà tappa in Piemonte e precisamente sulla sponda sinistra del Tanaro, a Monticello d’Alba (56 km da Cuneo). Attesi nella parte nord-orientale della provincia cuneense, geograficamente nota anche come Roero per l’omonima famiglia che dominò nel periodo medioevale, oltre 100 piloti “formato mini” che faranno base da sabato 05 aprile nella Fattoria S.Antonio.


 


La regia spetta al moto club 100 Torri Alba per la prima volta alla prese con una prova nazionale enduro, ma già noto al mondo dei piccoli per aver curato nel 2007 una lezione S.A.E. (Scuola Avviamento Enduro). Sarà proprio dalla proprietà della LeoVince (ditta produttrice di sistemi di scarico per moto e quad) lo stesso dove sì articolò il campo-scuola SAE che sarà possibile ammirare le evoluzioni dei piloti impegnati prima nel Cross-Test (1.800 m) ricavato nel fetucciato in cui vengono testate i prodotti LeoVince e poi in una tecnica enduro test (2.000 m) snodata nel sottobosco adiacente. Sei i giri previsti per un totale di 54 km.


 


Si comincia già da sabato con le verifiche anticipate dalle ore 15.00 alle ore 18.00, per poi proseguire come di consueto l’indomani dalle ore 07.30 alle 08.30. Si evidenzia che il parco chiuso è previsto solamente nella giornata di gara. Tutte le moto (anche quelle verificate il sabato) dovranno trovarsi nel parco chiuso entro la chiusura delle operazioni.


 


Gli attuali leader di campionato sono rappresentati naturalmente dai vincitori di giornata della gara d’avvio corsa con la formula Hard Race sull’insidioso tracciato di Guastalla. Ma domenica a partire dalle ore 09.30 i nomi da tenere d’occhio sulle due prove speciali sono il pugliese Jacopo Andrea Schito (KTM-Treviglio) per gli Esordienti (’98-’97) e l’orobico Nicolas Pellegrinelli (HM-Treviglio) nell’Aspiranti (’96-’94) entrambi campioni in carica 2007.


  


Non assegnano titolo ma regalano in eguale misura spettacolo ed emozioni la categoria Open (’98-’94) e la 50 Cadetti (’91-’92) che insieme alla nuova Baby Sprint (’00-’99) istituita quest’anno, non attribuiscono titolo finale, ma atte per dare la possibilità ai ragazzi di correre e far esperienza con le due ruote. Tra queste categorie si è appunto distinto nella Open il velocista trevigiano già vincitore nel 2007 Nicola Recchia (KTM) (campione europeo MX 65 nel 2005) e promessa del cross nazionale. Sembra voler bissare i risultati della scorsa stagione anche il siciliano Domenico Ricchiari (Fantic-Conca d’Oro) nella 50 Cadetti, mentre tra i piccoli della Baby a firmare il primo podio è il friulano Lorenzo Macoritto (KTM-Morena).