Fuoristrada

Internazionali SupermotoLazzarini conquista il titolo

Dopo l’Internazionale Quad, gli Internazionali d’Italia SX, e l’EuroSupercross, ieri nell’area esterna dell’Esposizione Mondiale del Motociclismo, si sono disputate: la finalissima di Campionato Italiano Supermoto Series, l’Internazionale Open SM e la charity race “Eicma FOR”. Le tribune hanno accolto il numerosissimo pubblico che, oltre a godere degli show freestyle mx e stunt, ha potuto assistere alle bellissime gare tutte dedicate alle due ruote.

S1PRO Gran finale per la Supermoto Series 2014. Ivan Lazzarini (Honda L30 Racing) si laurea per l’undicesima volta Campione Italiano, con una prova di grande generosità atletica e sportiva, correndo nonostante la febbre alta.

Gara #1 ha visto sfilare sotto l’holeshot per primo Christian Ravaglia (Honda Racing SM) seguito da Ivan Lazzarini (Honda L30 Racing), Lukas Hoellbacker (Husqvarna), Edgardo Borella (Yamaha Extreme Team) e Andrea Occhini (Suzuki Brt Mabomotor). Si scatena la lotta per passare al comando e proprio Ravaglia e Lazzarini finiscono a terra, toccandosi in curva sullo sterrato. La caduta pregiudica in modo irrimediabile il risultato finale di entrambi: Lazzarini riparte ma dopo metà gara per un problema meccanico si ritira. Ravaglia indugia nel riaccendere la moto e il contrattempo, del riavvio motore, lo relega in ultima posizione con un distacco dal resto del gruppo che non gli ha lasciato possibilità di recupero alcuno. Nel contempo, dall’altra parte della pista, Andrea Occhini è costretto al ritiro per una probabile rottura ai raggi. Fatti fuori i tre piloti in cima alla generale di Campionato, la bagarre si scatena fra Marc Reiner Schmidt (KTM), Toni Klem (KTM Mrt Team) e Lukas Hoellbacker. I tre, distratti dal dover badare l’uno agli inserimenti dell’altro, finiscono per lasciare spazio a Diego Monticelli (Honda Freccia Team) e Elia Sammartin (TM OttoMoto) i quali, senza troppi indugi, riescono a far breccia tra “le distrazioni” dei rivali e guadagnano rispettivamente la seconda e quarta posizione.
Gara #2 non lascia spazio ad errori e gli scattisti Ravaglia, Lazzarini e Schmidt, sin dalla prima curva si lanciano in una corsa sfrenata che vede vincere il pilota Honda Racing SM, leader incontrastato della corsa. Bellissima conclusione per un Campionato che, nel corso di questa edizione 2014, ci ha regalato emozioni “al profumo” di gomma in derapata.
Classifica Finale di Campionato S1PRO – Supermoto Series 2014
1° Ivan Lazzarini (2125 pt.) – 2° Christian Ravaglia (1865 pt.) – 3° Andrea Occhini (1420 pt.)

SuperMoto OPEN
1° Edoardo Gente (KTM) – 2° Andrea Borella (Honda) – 3° Gianni Borgiotti (Suzuki) – 4° Alessandro Tognaccini (KTM) – 5° William Smeraldo (Honda) – 6° Marco Ricci (Honda) – 7° Alberto Moseriti (Yamaha) – 8° Mattia Berniga (Yamaha) – 9° Alessandro Tidda (Yamaha) – 10° Davide Arcudi (Honda)
TUTTI GLI ALTRI RISULTATI SuperMoto OPEN

“EICMA FOR” Prometeo Onlus – Eicma scende in pista e conferma la forza debordante della solidarietà. Terza edizione per la charity race a cui partecipano campioni e professionisti del racing internazionale. 24 piloti, tre specialità e un montepremi di 10.000 euro. Supermoto, Quad e MiniMX. Grandi e piccoli con un unico scopo: dare vita insieme ad un momento che si vive con un unico intento, che valica i confini della pista e del risultato da portare a casa. Partecipando ad “Eicma FOR” non si prende ma si da. Non si acquistano punti in una classifica, si corre per solidarietà perché sono i piloti che donano in beneficienza l’intero montepremi che Eicma devolve per la gara.
Non importa chi vince, conta lo spirito di partecipazione, la voglia di dare il proprio contributo in quello che si sa fare bene, da professionisti: correre in pista. Così la gara diventa non occasione per dimostrare superiorità verso i propri avversari ma applausi del pubblico verso un pilota che cade, Quad che rallentano in prossimità dei ragazzini del MiniMX piloti che si fermano per assicurarsi che chi è appena scivolato davanti a loro stia bene. Anche questo è Eicma MotoLive.