Fuoristrada

Internazionali d’Italia a NotoCairoli gioca in casa

 Dalla Sardegna alla Sicilia. Per il secondo Round degli Internazionali d’Italia si cambia isola, e si approda nella terra di Tony Cairoli. Sarà infatti Noto (Sr) ad ospitare, questo fine settimana, la seconda tappa dell’evento, e dalla cittadina siciliana ripartirà la rincorsa al 7 volte Campione del Mondo. A Riola Sardo infatti Cairoli ha dato subito un segnale forte ai suoi inseguitori, vincendo sia la MX1 che la classe Elite con distacchi pesanti (clicca qui per il video), e dimostrando ancora una volta come si guida su una pista dal fondo sabbioso. Solo due i piloti che sono riusciti a non perdere troppo terreno (si fa per dire…) dal campione del mondo: il russo Bobryshev e il belga Van Horebeek. Bobryshev sarà assente a Noto, per cui spetterà a Van Horebeek il duro compito di provare a mettere in difficoltà il pilota con la tabella numero 222. Altro assente illustre nella tappa siciliana sarà Max Nagl. Occhi puntati poi su David Philippaerts, che ha raccolto un buon 4° posto nella MX1 a Riola, dove era all’esordio con il “suo” Team, il DP19.

Nella MX2 si riparte dal vincitore della prima giornata Arnaud Tonus, ma soprattutto dalla voglia di rivincita di Cristophe Charlier, secondo a Riola ma rallentato da problemi tecnici. Il francese non sarà però l’unico a volersi rifare, accanto a lui ci saranno anche Jordi Tixier e Alessandro Lupino. Il vicecampione del mondo infatti dopo una caduta è stato autore di una grande rimonta in terra sarda, chiudendo ai piedi del podio. Discorso diverso invece per Lupino. L’italiano non ha brillato nella prima gara degli Internazionali, accusando qualche leggero problema fisico. Anche per lui non mancherà la voglia di rivalsa nella tappa siciliana.

Nella 125 conduce Isdraele Tommaso, seguito dal bulgaro Ivan Petrov e dal pilota del Team Motocross FMI Lorenzo Ravera, che ha esordito con un bel podio a Riola, nonostante qualche piccolo errore.

Appuntamento quindi per il 9 febbraio a Noto, in Sicilia, per vedere se ci sarà qualcuno in grado di fermare Cairoli verso la corsa al titolo 2014 degli Internazionali d’Italia.