Fuoristrada

International Series Supermoto – Ultima gara a Castelletto di Branduzzo

Sabato 15 e domenica 16 settembre a Castelletto di Branduzzo andrà in scena la 6.a e ultima prova degli International Series Supermoto che anno dopo anno cresce e diverte i bikers di mezza Europa con l’organizzazione di Youthstream Events in collaborazione con Federmoto e il Motodromo lombardo.

Il weekend inizia la mattina di sabato 15 settembre con l’ultimo round sul bel Motodromo di Castelletto, nel territorio pavese che da qualche anno chiude il prestigioso circuito dei campionati Internazionali della specialità. La manifestazione di chiusura, sarà caratterizzata da un grande parterre di atleti in rappresentanza dei migliori team del momento e da numerosi giovani provenienti da tutta Italia che disputeranno le gare di campionato italiano, Coppa Italia e trofei monomarca Honda e Ducati.

Nell’ultimo round stagionale S1 disputato, andato in scena sul circuito francese dell’Alpe d’Huez, uscendo per la prima volta dai confini italiani tenendo fede all’attitudine internazionale del migliore Campionato Nazionale di Supermoto, è stato assegnato a Ivan Lazzarini il nono titolo tricolore della specialità. Molti sono i piloti che ambivano al titolo internazionale, due soli quelli che possono ancora conquistarlo: il finlandese Mauno Hermunen e il francese leader mondiale Thomas Chareyre, gli stessi fuoriclasse che stanno animando il mondiale 2012. L’alfiere del team SHR, Hermunen (TM), è in testa alla graduatoria dopo aver messo nel carniere ben otto vittorie di manche e due secondi posti, mentre il forte avversario Chareyre, in sella alla TM Factory Racing, può contare otto secondi posti e due vittorie, con un distacco di 18 punti che non è poca cosa ma neppure insanabile. Ma la lista dei top ten da tenere d’occhio è lunga, ad iniziare dal numero tre in graduatoria, l’altro fortissimo pilota francese, campione del mondo uscente, Adrien Chareyre (Aprilia Fast Wheels) che pur non avendo mai vinto una manche ha terminato ben sette volte terzo, ma anche il nuovo campione italiano Ivan Lazzarini (HM Honda Racing) sarà sicuro protagonista a Castelletto, così come gli altri nella lista dei top ten internazionale: Petr Vorlicek (Honda SHR – RCE), Matthew Winstanley (Honda SHR – GBR), Christian Ravaglia (Ktm Miglio – ITA), Andrea Occhini (Honda Red Foxes – ITA), Massimo Beltrami (Honda TDS Faor – ITA), Teo Monticelli (Honda Freccia – ITA).

Rush finale al Motodromo pavese anche per il campionato italiano S1, con il titolo già assegnato al pesarese ma tutte le altre posizioni ancora da decidere in pista. Secondo in campionato in questo momento è il poliziotto bolognese del team Ktm Miglio, Christian Ravaglia, davanti al lombardo Andrea Occhini (Honda Red Foxes), quindi l’altro poliziotto felsineo Massimo Beltrami (Honda TDS Faor), e ancora il marchigiano Teo Monticelli (Honda Freccia), il vicentino Elia Sammartin (Suzuki Racing Team Pergetti), il piacentino Edgardo Borella (Yamaha Extreme Team), Massimiliano Verderosa (Honda Team HBV), Paolo Gaspardone (Honda TDS) e Fabrizio Bartolini (HM Honda Racing) per i migliori dieci in classifica.

Il Campionato S2 vede al comando in graduatoria il lombardo Luca D’Addato (Honda Valdemi) in testa con 157 punti davanti al pesarese vincitore dell’ultima prova di Pomposa, Marco Dondi (TM) e all’olandese Devon Vermeulen (Ktm Motoracing), tutti e tre racchiusi in 16 punti. Seppur con minori possibilità statistiche, sono matematicamente in corsa per il titolo anche Diego Monticelli e Yuri Guardalà, rispettivamente al quarto e quinto posto in classifica.

Capofila in classe S3 è il pontino Edoardo Gente (Yamaha Ufo Frascati) in cerca del secondo titolo della specialità dopo quello junior del 2011, grazie ai sette punti di vantaggio sul vincitore dell’ultima prova ferrarese Lorenzo Promutico (Honda Cianfrocca) e 44 sul terzo Jacopo Di Fuccia (Yamaha Ufo Frascati). Alle loro spalle nella top five anche Paolo Attardo (Husqvarna 747 Motorsport) e Riccardo Lodigiani (Honda Ottobiano).

In Coppa Italia è ancora il pilota grossetano Giulio Lorenzini (Honda PMT Racing) il leader in campionato ma anche il più costante pur avendo vinto due sole manche nel corso della stagione. Con 107 punti di distacco segue l’ordine il primo degli inseguitori, Alessandro Ghirelli (Suzuki Lux Performance), e nell’ordine Alessandro Catallo (Yamaha Libero Liberati) e il vincitore dell’ultima prova a Pomposa, Luca Brambilla (Yamaha Extreme Team).

Bryan Ciarlatini, con cinque vittorie di manche nelle dieci frazioni sinora disputate nel Trofeo HM Honda, è il capoclassifica davanti a Emanuele Maccariello e Jacopo Farneti. Nel monomarca Ducati Hypermotard 796 Cup, la classifica vede in testa Manuel Noto La Diega (Ducati Varese) con quattro vittorie parziali consecutive, che precede Giovanni Gabrielli (Ducati Carpi) vincitore delle prime due prove di stagione, e Alberto Moseriti (Ducati Osellini Moto Piacenza).