Fuoristrada

International Series Supermoto – All’Alpe d’Huez il 5° round

Tutto è pronto per il quinto appuntamento degli International Series Supermoto 2012 in programma per sabato 4 e domenica 5 agosto sul circuito di Alpe d’Huez, Francia. E’ la prima volta che nella storia dei campionati Internazionali si svolge una prova fuori dai confini nazionali, e quindi le aspettative sono molto alte. Moto, Team e piloti arriveranno sul Circuito cittadino dell’Alpe d’Huez già dal giovedì, in questa pista che è localizzata a circa 1.800 metri d’altezza sul livello del mare e dove il sole splende per 300 giorni all’anno.

Il tracciato francese presenterà uno sviluppo di 1.356 metri di cui 1.023 asfalto e 333 di off road, a quanto rivelato sarà un tracciato di ottima struttura ma la novità di sicuro sarà un punto a favore dei piloti che non temono i cambiamenti rapidi, quei piloti che hanno maggior estro e che meglio di ogni altro riescono ad adattarsi alle nuove situazioni nel minor tempo.

L’evento è organizzato da Youthstream Events in collaborazione con l’Association Alp Moteur Evènement, la Federazione Motociclistica Francese e la Lega Rhone-Alpes.

Condizioni climatiche, tracciato, aderenza, assetti, e tutto quello che concerne una gara di moto, sono tutte situazioni che, come sempre capita quando si corre su un tracciato inedito, dovranno essere studiate in fretta per presentarsi al meglio alle qualifiche del sabato e alle finali decisive della domenica.

Vincitori e vinti delle prime prove saranno subito chiamati a rispondere a conferme e rivincite. E’ difficile parlare di veri e propri favoriti, ma la situazione in classe S1 è abbastanza chiara da offrire spunti interessanti: attualmente è il finlandese Mauno Hermunen in testa agli International, che con la sua TM gestita dal team SHR è a quota 197 punti dopo aver vinto ben sette manche sulle otto disputate, sommando anche un secondo posto proprio all’ultima prova ferrarese dello scorso weekend.

A seguire il forte pilota finlandese c’è il transalpino leader mondiale Thomas Chareyre, con la TM Factory Racing. Thomas giocherà in casa e sarà sicuramente uno degli avversari più pericolosi della rosa dei contendenti soprattutto dopo aver strappato la vittoria assoluta al capoclassifica proprio nell’ultima prova di Pomposa di qualche giorno fa. A seguire la coppia di testa c’è un nome altrettanto conosciuto nell’ambiente dello sliding, l’italiano Ivan Lazzarini (HM Honda Racing), il più forte dei rappresentanti azzurri con ben otto titoli nazionali nel carniere, tre titoli internazionali e quattro volte vincitore del Supermoto delle Nazioni a Squadre. Il pesarese, grazie alla sua regolarità di piazzamenti, è in testa al campionato italiano ma il suo obiettivo è aggiudicarsi una prova internazionale che ancora quest’anno non ha colto.

Ma attenzione agli outsider, piloti dotati del potenziale necessario per puntare alle posizioni di vertice, come il francese campione del mondo in carica Adrien Chareyre (Aprilia – Fast Wheels), quarto in graduatoria con soli 63 punti di svantaggio ma ancora nessuna vittoria parziale all’attivo, proprio come gli altri inseguitori nella top ten: il leader europeo Petr Vorlicek (Honda – SHR), i due poliziotti bolognesi Christian Ravaglia (Ktm – Miglio) e Massimo Beltrami (Honda – TDS), e ancora il britannico Mattew Winstanley (TM – SHR), gli italiani Andrea Occhini (Honda – Red Foxes) e Teo Monticelli (Honda – Freccia).

Oltre agli International Series l’evento in programma sul Circuito cittadino dell’Alpe d’Huez sarà arricchito dal Campionato Francese Prestige, dal Campionato Francese S3 e dal Campionato Francese di Superquad.

Nella storia del circuito francese figurano manifestazioni di tutto rispetto come il Campionato Francese, il Campionato Europeo ed il Supermoto delle Nazioni nel 2003 e 2004.