Fuoristrada

Int. d’Italia Supercross – Senza respiro: 3° round a Piano di Coreglia

Dopo il fragore suscitato per il grande successo di Round #2 disputatosi ad Abano Terme (PD), il Campionato fa tappa in Toscana a Piano di Coreglia (LU), dove anche in questo caso è attesa una grande partecipazione di pubblico.
L’organizzazione, curata dal giovane Moto Club 360 Freestyle, ha predisposto tribune naturali tutte intorno al circuito, ridisegnato completamente per l’occasione, per consentire agli spettatori di avere una visuale perfetta in ogni punto del percorso.
Entrando nel merito Sportivo, nei due Round fin ora disputati il livello tecnico e lo spettacolo sono stati altissimi in ogni categoria, dove sorpassi e gare adrenaliniche hanno infiammato l’attenzione dei numerosi presenti, per cui è lecito aspettarsi un grande evento anche questo sabato a Piano di Coreglia.
SX1 – Nella classe maggiore è ancora la “Marsigliese” a suonare le note più acute con i suoi tenori Alexander Rouis (Honda MB Team, 69pt) e Christophe Martin (Honda A-Team Fogliaro Racing, 67pt) citati rigidamente in ordine di classifica, divisi da appena 2 punti. I due francesi si sono sempre imposti nelle vittorie, anche parziali, salvo in gara #2 ad Abano T., dove Davide Degli Esposti (Suzuki MD Racing, 47pt) ha interrotto la serie tagliando meritatamente per primo il traguardo. Ma a parte questa vittoria, crediamo che Davide sia ancora in grado di inserirsi nella lotta per la conquista della targa Champion, e da parte sua ha fatto capire che ha la forza per provarci. Chi non è ancora riuscito a vincere è Angelo Pellegrini (Honda Martin Racing, 62pt), nonostante un ottimo stile non è mai riuscito a sferrare la stoccata vincente pur avendone avuto l’occasione, e ha dovuto subire gli avversari, vedremo se in seguito saprà imporsi.
In ascesa le performance di Michael Mercandino (Honda Italian Factory, 44pt), che deve sicurante fare una cura a base di Woops, tante Woops, ma il ragazzo c’è. Mentre Stefano Dami (Honda MB Team, 48), che ha subito una forte botta ad Abano Terme, è sempre tra i primi e sempre pronto a cogliere l’eventuale buona occasione di Vittoria.
SX2 – nella classe Light abbiamo intonato l’inno di Mameli grazie al giovane Dario Marrazzo (Honda Mc Fossano, 37pt) che si è aggiudicato Round #2 su Mike Valade (Honda A-Team Fogliaro Racing, 37pt). La disputa per la tabella Champion è sempre più avvincente, ma per l’epilogo finale si dovrà attendere EICMA MotoLive il 16 novembre, dove di fronte a centomila persone ci sarà l’assegnazione del titolo. Matematicamente sono in lizza ancora almeno altri tre piloti, tra cui Maxance Mora (Honda MB Team, 30pt), Andrea Winkler (Honda Nikon, 22pt), Tommaso Vendramini (Suzuki ItalParts, 22pt): sono giovani e relativamente poco esperti ma particolarmente predisposti, per cui è lecito attendersi grandi miglioramenti.
SX125 – Si entra nella classe giovani dove il rammarico di registrare paradossali assenze, a cui sicuramente verrà presentato il conto tecnico a tempo debito, svanisce nel momento in cui i presenti iniziano a “danzare” in pista: la loro velocità, sicurezza e bellezza visiva trasforma la delusione in soddisfazione. E il risultato è stato fantastico, offrendoci gare bellissime e piene di spunti tecnici. Davide Bonini (KTM Ufo Corse Maglia Azzurra, 20pt ) è il leader di una situazione assolutamente imprevedibile, dove può accadere tutto e il contrario di tutto. A Piano di Coreglia i primi cinque sono tutti in grado di migliorare le loro prestazione e capovolgere la classifica di Abano, e proprio per questo Tommaso De Pietri (Suzuki Castellari, 17pt) e Simone Furlotti (Suzuki Castellari, 15pt) saranno già al lavoro sotto l’occhio esperto di Bertino Castellari, che di sicuro li preparerà al meglio. Edoardo “Bob Hannah” Bersanelli (Yamaha BigJump) è capace di prestazioni incredibili ma deve arrivare preparato, allenato e senza voler strafare, per lui l’avversario più temibile è proprio se stesso. Federico Mantero (Suzuki ManTeam) deve e può ancora crescere, ma per lui le difficoltà sono altre, le dovrà superare con molta, molta intelligenza tattica.
SuperMini – anche in questo caso il rammarico per le assenze è alto, ma i presenti valgono per tutti gli assenti e, agli assenti, purtroppo, arriverà puntuale il conto tecnico da pagare.
Dopo Round #1, quello di Recetto, il Campionato riparte da Piano di Coreglia; la classifica generale vede Nicola Soave (KTM Bisso Galeto, 20pt) in testa: Nicola esprime grande preferenza per il Supercross, specialità in cui riesce a sfruttare al meglio le sue caratteristiche tecniche. In seconda posizione si trova Filippo “il Puma” Zonta (KTM Ufo Corse Maglia Azzurra, 17pt): Filippo a Recetto è andato fortissimo, ha condotto bene buona parte del Main Event fino a quando un errore lo ha penalizzato. Terzo Brian Hsu (Suzuki Rockstar Energy Europe, 15pt) da cui tutti si devono guardare visto la grande rimonta effettuata a seguito della caduta in partenza. Quarto Nicholas Lapucci (KTM – Cevolani Racing, 13pt) “The Pole Position Man”, sempre veloce in qualifica, in gara pregiudica banalmente un possibile risultato migliore, sicuramente alla sua portata. Ottimo quinto è Andrea La Scala (KTM MC Gentlemen, 11pt).