Motitalia

In arrivo Motitalia di Giugno 2011 – Leggi Editoriale e Sommario

Quanto volte a settimana visitate www.federmoto.it, il sito internet federale? E quanto tempo spendete, per cercare un’informazione che vi interessa? In altre parole: quanto conoscete la Federazione Motociclistica Italiana?

Se lo chiedessi ad ognuno di Voi, temo che la maggior parte delle risposte sarebbe: “poco”. E probabilmente, molte volte: “pochissimo”. Peccato.

Per i Tesserati, perché così non conoscono i molti servizi e le opportunità offerte anche solo dalla “semplice” Tessera Member, che pure ci sforziamo di pubblicizzare in ogni modo.

Peccato per gli sportivi, che probabilmente non conoscono a fondo le coperture assicurative garantite dalla Licenza o dalla Tessera Sport (inutile fare scongiuri: ognuno di noi è sicuro di essere il migliore, in moto, e che quindi non gli accadrà mai nulla. Fino a che, una volta, qualcosa accade. E allora è molto meglio avere una buona copertura assicurativa, quella che solo la FMI, al momento, è in grado di offrire: in gara, in allenamento, nell’epoca, nel turismo).

Peccato anche per i Presidenti: di Moto Club e di Comitato Regionale. Perché, ad esempio, non tutti sanno che il Consiglio Federale mette a disposizione preziose risorse economiche, ad esempio a sostegno dell’attività minore, oppure per la manutenzione degli impianti, e così via. Le risorse vanno chieste seguendo le regole federali, ovviamente, e qualcuno le utilizza. Il paradosso è però che ogni anno una parte di rimane nelle casse federali, perché non c’è abbastanza richiesta.

Sia chiaro: non tutte queste informazioni sono nel sito federale: sarebbe impossibile. Già così il nostro sito è davvero “troppo” ricco, è facile perdersi nei meandri delle sezioni e sottosezioni, fino a decidere di rinunciare alla ricerca. Per semplificare la ricerca abbiamo creato apposta un secondo sito, www.fmiservizi.it, c’è un sito dedicato alla velocità federale (www.civ.tv) e ne stiamo ipotizzando una solo per il fuoristrada. Stiamo lavorando per semplificare le cose, ma la FMI è grande e complessa, le informazioni ci sono e bisogna comunque darle.

Però rinunciare a rimanere informati, non prestare attenzione alle nostre comunicazioni, non tenere aperti i contatti con i Comitati Regionali, i Moto Club, i Consiglieri Federali, gli Uffici di Roma, è comunque troppo penalizzante.

L’altro lato della medaglia è che, senza informarsi prima, qualche Tesserato decide da solo QUALI servizi DEVONO essere forniti dalla FMI. Gli appassionati d’epoca, ad esempio, ci chiedono un preventivo per una polizza di assicurazione, prima ancora di iscrivere il mezzo al Registro Storico. A parte il fatto che la FMI non vende polizze assicurative, perché facciamo un altro mestiere e perché non ci è comunque permesso dalla legge, basterebbe visitare il sito federale per “scoprire” tutte le informazioni sull’iscrizione al Registro e sulle opportunità assicurative (in questo momento non esiste una convenzione assicurativa, ma ci stiamo comunque lavorando intensamente).

Altro esempio: sempre sul sito (ma anche su questo stesso giornale), abbiamo ricordato più volte la copertura assicurativa per le cosiddette “gite sociali”.

Ma quanti di Voi si prendono la briga di leggere le nostre informazioni, che comunque servono a tutelare la vostra salute?

Paolo Sesti

Leggi il sommario