Mototurismo

In 6.000 a Trento per la benedizione

Domenica da ricordare in occasione della motobenedizione

Una domenica indimenticabile per il Moto  Club Trento.  Non è bastato  aver predisposto la chiusura di tutte le vie di accesso a Piazza Fiera per accogliere  i motociclisti che in un questa  splendida giornata di sole, hanno deciso di esserci. Molti hanno dovuto parcheggiare i propri mezzi in strade limitrofe e raggiungere la piazza a piedi! L’ottima organizzazione ha comunque  permesso il regolare flusso degli arrivi ed ancor più quello delle partenze quattro ore dopo.

Erano presenti 6.000 motociclisti di tutte le regioni prevalentemente dal Triveneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Molte moto moderne ma tante anche le storiche, orgoglio e passione dei possessori.  Tanti  applausi per l’entusiasmo con il quale Monsignor Ettore Facchinelli ha aperto il suo discorso: “Grazie ragazzi per il rombo di primavera,  vi invito tutti alla  prudenza!”. Sono seguite poi le  parole del Presidente del Moto Club Trento, Bruno Garzetti, in ricordo del 91 compleanno di monsignor Facchinelli che coincide con il 91° anniversario del  Moto Club Trento: “Che questa bella esperienza della 18° benedizione sia di auspicio per un anno di consapevolezza e piacere per tutti”. L’evento si è concluso con gli interventi delle autorità presenti  per una riflessione sulla sicurezza e il problema della inadeguatezza dei guard-rail tanto pericolosi per i motociclisti. Infine, il silenzio irreale per  l’attimo conclusivo del motoraduno, la benedizione.