Fuoristrada

Il Campionato Europeo Trial apre il weekend Mondiale di Tolmezzo

Prima giornata di gare, con acrobazie e spettacolo a Tolmezzo per l’appuntamento con il Gran Premio d’Italia ospitato dal Moto Club Carnico, valido per il Mondiale Fim Spea di Trial 2008 e accompagnato anche dalla seconda prova del Campionato Europeo.


 


In una splendida giornata di sole, a dominare la competizione continentale su un percorso reso piuttosto insidioso dalla pioggia scesa nella giornata di ieri ma comunque molto apprezzato è stato il britannico Micheal Brown, su Beta, che ha così bissato il successo conquistato nella prima prova del campionato disputatasi lo scorso aprile a Bangor in Irlanda, consolidando quindi la leadership di classifica.


 


Primo dall’inizio alla fine, Brown ha superato per due volte le quindici prove totalizzando 36 penalità, 16 in meno rispetto al francese Loris Gubian, su Sherco, che si è classificato secondo grazie ad un migliore secondo giro nella quale ha superato 8 zone senza errori, portandosi ad un affollato terzo posto in classifica generale. “Un bel percorso, né troppo semplice né troppo difficile”, ha commentato all’arrivo Brown circondato dai suoi tifosi e dalla fidanzata. “Le maggiori difficoltà le ho incontrate nella zona 12, mentre nella 14 (quasi impossibile per la maggiorparte dei trialisti per un passaggio difficoltoso tra un albero e un masso, ndr) ho avuto tre penalità. Per quanto riguarda la pioggia, si sono sentiti un po’ i suoi effetti sul percorso solamente nel primo giro, poi il terreno si è progressivamente asciugato. Complimenti comunque all’organizzazione, è sempre tutto perfetto in Italia!”. Dopo il sesto posto in Irlanda, ottimo terzo l’italiano Matteo Grattarola, sempre su Sherco, molto buono nella prima parte di ambedue i giri.


 


A pagare un peggiore primo giro e una parte finale del secondo non perfetta è stato invece il campione italiano Fabio Lenzi, su Montesa, che infatti ha confermato di essersi trovato a un certo punto in ritardo e di aver dovuto accelerare i tempi per evitare ulteriori penalità. Un quinto posto il suo, dietro lo spagnolo Alfredo Gomez, che non ha comunque intaccato la seconda piazza nella classifica generale, visto che Sam Haslam si è posizionato comunque dietro. Ottimo invece il balzo in avanti di Grattarola che appaia proprio Haslam e Gubian sul terzo gradino.


 


Nella categoria Junior un’altra conferma, vale a dire quel del francese Alexandre Ferrer, su Sherco, che con uno strepitoso secondo giro è riuscito a recuperare le sei penalità che al termine del primo lo separavano da Jack Challoner, su Beta, superandolo di un solo punto. Terzo, comunque ravvicinato con 34 penalità, lo spagnolo della Gasgas Adrian Pastorizia.


 


Sfortunato l’atleta di casa Stefano Marcon, figlio del vicepresidente del sodalizio organizzatore, Walter, lanciatosi per la prima volta in una competizione continentale e partito per primo con al via simbolicamente il presidente del Moto Club Carnico Roberto Somma. Dopo sole sei prove affrontate anche piuttosto bene considerate le maggiori difficoltà di un percorso piuttosto scivoloso da solcare per primo, ha dovuto abbandonare la competizione a causa della rottura del cambio della sua moto. “Dopo le prime difficilissime prove di Casanova, dove il terreno era molto insidioso, appena arrivato all’asciutto alla quinta prova mi si è rotto il cambio e la sesta ho dovuto affrontarla con la sola maglia che avevo prima di lasciar perdere”.


 


Stasera prosegue la festa in piazza tra musica a comicità con i Coverland e la “nimmistica” da Zelig di Claudio Batta. Domani, a partire dalle 8.20 la spettacolare competizione mondiale, per la quale è atteso un numerosissimo pubblico e nella quale a sfidarsi saranno soprattutto gli spagnoli Toni Bou e Adam Raga, rispettivamente leader e inseguitore della classifica generale, con il giapponese Takahisa Fujinami a cercare di fare da terzo incomodo.