Motitalia

Il barometro segna bel tempo – Maggio 2008

La prima settimana di aprile ho concluso gli incontri con i Presidenti di tutti i Comitati Regionali FMI. Un appuntamento periodico, approfondito, che organizziamo per avere un contatto diretto con chi rappresenta la Federazione tutti i giorni, direttamente sul territorio, a confronto diretto con i Tesserati. I migliori “ambasciatori”, dunque, sia per trasferire le informazioni dalla sede centrale a chi usufruisce dei nostri servizi, sia per riportare in Federazione gli umori, i desideri, le rimostranze (perché no) degli appassionati.


Un’attività “oscura”, perché non conosciuta dalla stragrande maggioranza dei nostri interlocutori, ma assolutamente importante per suggerire eventuali scelte al Consiglio Federale.


Il bilancio finale degli incontri mi permette di affermare che le cose vanno avanti bene, con generale soddisfazione di tutti: il numero dei Tesserati aumenta, come aumentano i Moto Club. Cresce il numero dei servizi offerti ai Tesserati e la qualità dei servizi stessi: siamo  impegnati sul fronte delle assicurazioni e i numeri ci danno ragione, soprattutto sul versante Moto Epoca, mentre stiamo cercando soluzioni alternative nel segmento Moto Moderne, estremamente complesso, costoso per gli utenti e fonte di arrabbiature (come per tutte le tariffe imposte). Sempre in campo assicurativo, stiamo lavorando per mitigare i problemi generati dalla Sportass: qualche segnale positivo comincia a vedersi. Su entrambi gli argomenti potete leggere degli aggiornamenti nelle pagine successive.


Anche dal Turismo arrivano notizie positive, sia dalle attività prettamente federali, sia dalle nuove proposte che abbiamo presentato in via sperimentale e che trovano una forte adesione da parte dei motociclisti. Un segnale che ci spinge ad aumentare e perfezionare ulteriormente la nostra azione. Senza dimenticare che il prossimo obiettivo importante della Commissione è quello di raccogliere un grande numero di “mototuristi federali” che vogliano partecipare al Rally FIM 2008. Una bella vacanza, in un bel posto. Essere in tanti ci permetterebbe di avvicinarci ancora una volta alla vittoria. E sarebbe la ventesima, nella specialità…


Nella Moto d’Epoca, mentre i Meeting in Pista sono ormai un’attività consolidata e di piena soddisfazione per i partecipanti, nei giorni scorsi abbiamo salutato la presenza ufficiale insieme a noi, a Magione, del Moto Guzzi World Club. Ne parleremo in uno dei prossimi numeri, ma intanto voglio esprimere la piena soddisfazione per la scelta fatta dalla Casa italiana.


Stiamo tenendo sotto attenta osservazione, nel frattempo, tutto il mondo sportivo. Mentre l’attività di base continua a fornire soddisfazioni (i Corsi Sae e Sat sono una realtà consolidata; i Corsi di avviamento organizzati con la collaborazione dei Comitati Regionali


sono sempre più numerosi; gli atleti schierati nei Team federali giovanili hanno voglia di fare bene), qualche preoccupazione viene dalla attività maggiori, dove sono necessarie grandi risorse economiche. La situazione generale dell’economia, non solo italiana, attraversa un momento complicato. Forse, nel passato più recente, qualcuno ha forzato la situazione sperando in un possibile miglioramento che al momento non si è ancora verificato. Non sappiamo se i nodi stiano effettivamente arrivando al pettine. Cerchiamo di cogliere tutti i segnali disponibili, ma non possiamo dimenticare che lo sport motociclistico è sicuramente costoso. Noi faremo la nostra parte, tanto che prendo ora l’impegno di non aumentare i costi delle Licenze e della Tessera, nel 2009. Ma non è il costo della Licenza, che preoccupa chi corre…


 

 


Paolo Sesti