Velocità

I vincitori del CIV al Mugello

Al Mugello, nella prima prova del Campionato Italiano Velocita’, si impongono: Roberto Lacalendola (Aprilia) 125 G.P. – Michele Pirro (Yamaha)  Superstock  – Masimo Roccoli (Yamaha) 600 Super Sport  e Marco Borciani (Ducati) Superbike.


 


In una giornata prettamente estiva, mitigata da una leggera brezza, e davanti a oltre 5.000 spettatori paganti, si è disputata all’Autodromo del Mugello la prima delle sei prove in programma del Campionato Italiano di motociclismo Velocità – CIV 2007.


Roberto Lacalendola,  diciottenne torinese, in sella all’Aprilia, si è aggiudicato  la gara della classe 125 G. P. Marvic, precedendo al termine di una corsa ricca di colpi di scena il forlivese Simone Sancioni (Aprilia – RCGM) e il biellese Gabriele Ferro (Honda – B&B Racing Service). La gara ha visto anzitempo uscire di scena alcuni dei protagonisti assoluti delle prove, fra i quali il detentore della pole Lorenzo Savadori (Aprilia – RCGM), il portacolori della Honda  – Kuja Michele Conti e, proprio all’ultimo giro, mentre lottava per il podio, l’altro rappresentante Honda – Metasystem Nico Vivarelli. Da segnalare anche l’ottimo esordio dei piloti provenienti dalla Junior G.P. Aprilia, Fabio Massei e Ferruccio Lamborghini, rispettivamente quarto e quinto.


Nella Superstock motociv.com dominio assoluto del pugliese di San Giovanni Rotondo Michele Pirro (Yamaha – Team Italia) che, partito dalla pole, ha immediatamente allungato, lasciando i rivali lottare solo per le altre due posizioni del podio. Dietro al vincitore, dopo numerosi scambi di posizioni, hanno chiuso il suo compagno Claudio Corti e Matteo Baiocco entrambi su Yamaha. Ilario Dionisi (Suzuki – Cruciani Moto) ha vinto la volata per il quarto posto su Maurizio Prattichizzo (Suzuki – Team Valdo).


La Yamaha Team Italia, dopo il trionfo nella Superstock si  aggiudicata anche la gara della 600 Super Sport Rapid Bike, grazie al campione in carica Massimo Roccoli che dopo alcune schermaglie iniziali ha preso saldamente in mano le redini della corsa confermando così l’intenzione di bissare il titolo 2006. Dopo il riminese, sono terminati nell’ordine il lucano Gianluca Vizziello (Yamaha – RG) e il portacolori del team sanmarinese WCR-Bike Service Danilo Marrancone, anch’egli in sella alla moto di Iwata, ancora con grossi problemi fisici a causa dell’incidente occorsogli sabato all’inizio del secondo turno di prove. Quarto e quinto hanno chiuso gli altri due ex campioni italiani della categoria Cristiano Migliorati (Kawasaki – Lightspeed) e Stefano Cruciani (Honda – Improve Racing) Una caduta senza conseguenze, nelle fasi iniziali della gara, ha tolto di scena due probabili protagonisti, Battaini e Tortoroglio.


Il casco tricolore in carica della Superbike PBR -EK Marco Borciani (Ducati – Sterilgarda), parte subito con il piede giusto e dopo una prima fase della corsa, nella quale ha dovuto duellare con il campione 2005 Norino Brignola (Ducati Guandalini), ha preso in mano decisamente le redini della gara, andando a cogliere un meritato successo.


Terzo è terminato l’esperto padovano Mauro Lucchiari (Ducati – GPM Racing Chemiba) mentre si è assistito a un bellissimo finale per il quarto posto, fra il portacolori Honda – Emmebi Team Luca Conforti e il rappresentante della MV Agusta Ayrton Badovini, finale che però si è concluso per entrambi sulla sabbia, a poche curve dall’arrivo. Della situazione ne hanno approfittato Gramigni (Yamaha – 391 Racing) e Pini (Yamaha – Play Bike) per andare a occupare rispettivamente la quarta e quinta piazza.


La gara non è stata turbata da nessun incidente di rilievo. Il prossimo appuntamento con il CIV il 5 e 6 maggio a Monza.


 


CLASSIFICHE DI CAMPIONATO


 


125 G.P. Marvic  –  Lacalendola 25, Sancioni 20, Ferro 16, Massei 13, Lamborghini 11


 


SUPERSTOCK motociv.com – Pirro 25, Corti 20, Baiocco 16, Dionisi 13, Prattichizzo 11


 


600 SUPER SPORT Rapid Bike – Roccoli 25, Vizziello 20, Marrancone 16, Migliorati, 13, Cruciani 11.


 


SUPERBIKE PBR EK – Borciani 25, Brignola 20, Lucchiari 16, Gramigni 13, Pini 11.