Fuoristrada

Finale spettacolare per Quadcross e Sidecarcross tricolore a Salmour

Dopo il Nazioni di Cingoli, appena il tempo per riorganizzare i ranghi, il quad e sidecarcross nazionale si è ritrovato domenica 1° ottobre a Salmour, in provincia di Cuneo, per l’attesa sfida finale; una sfida diventata determinante per alcuni dei più importanti titoli di categoria quadcross e per il tricolore sidecarcross dopo l’annullamento causa maltempo del quinto appuntamento in calendario. In una giornata non troppo soleggiata ma sufficientemente mite per un buon svolgimento della gara, il Moto Club Pistons Valley ha gestito al meglio il ricco programma di quest’ultimo evento tricolore di specialità, che comprendeva, oltre a quad e side, anche una tappa del regionale motocross piemontese. Al cancelletto del Salmour Offroad Park si sono schierati quasi cento piloti suddivisi nelle varie categorie.

Uno dei verdetti più attesi per questo appuntamento era quello relativo ai sidecar: si presentavano al via raggruppati in meno di 200 punti Zeno Compalati e Lemuel Ravera, a quota 181, Hotmar Pozzi e Marco Ceresa a 28 lunghezze di distacco, e l’equipaggio Ivo ed Ivan Lasagna a soli 4 punti da Pozzi-Ceresa. Per l’assegnazione del titolo si è dovuta attendere la seconda gara della giornata: un colpo di scena ha infatti rimesso in gioco il titolo al termine della prima manche. Dopo essere transitati sul traguardo di gara 1 al primo ed al secondo posto, gli equipaggi Compalati-Ravera e Pozzi-Walti sono stati retrocessi per non aver rispettato le bandiere gialle; il provvedimento, che è stato accettato sportivamente dai due equipaggi, ha dato uno scossone alla classifica offrendo una ulteriore opportunità a Lasagna-Lasagna, secondi nella prima frazione della giornata dietro a Mattoni-Gualatrucci. La seconda gara della giornata è stata ancora favorevole ad Ivo ed Ivan Lasagna, capaci di una bella vittoria a conferma della loro stagione 2017 in costante crescita. Ma per Compalati-Ravera i giochi si sono fatti facili quando gli sfortunati avversari Pozzi-Walti sono incappati in un inconveniente meccanico che li ha relegati nelle retrovie: amministrando oculatamente il loro vantaggio per il resto di gara 2, Compalati-Ravera hanno chiuso in seconda posizione, siglando così il punteggio valido per il titolo. Il podio della giornata dei sidecar ha visto così nell’ordine dal primo al terzo posto Lasagna-Lasagna, Mattoni-Gualatrucci e Compalati-Ravera. La scalata al tricolore incorona dunque campioni per la seconda volta consecutiva Compalati-Ravera, secondo posto per Lasagna che sorpassa sul finale Hotmar Pozzi, terzo.

I titoli già assegnati nel quadcross erano quelli della classe Veteran, vinta matematicamente in anticipo da Rodolfo Salustri (KTM), e della classe JF250, il cui scettro era già nelle mani di Mattia Venturini (Can Am). Nella Veteran la gara di Salmour ha visto sul gradino più alto del podio Davide Gigli (KTM), che ha concluso le due gare a pari punteggio con il neocampione Salustri con una vittoria ed un secondo posto a testa, ma è stato più rapido nella finale Supercampione dove ha guadagnato un punto in più, sufficiente per la vittoria. Dopo Salustri, secondo, il terzo gradino del podio è andato a Andrea Goria (Yamaha).

Nella JF250, il già campione Mattia Venturini ha voluto concludere la stagione siglando ancora una doppia vittoria nelle due gare, conquistando così un altro successo di tappa.
Alle sue spalle in questo appuntamento di Salmour, Paolo Bellante (Can-Am), due volte secondo al traguardo, mentre la terza posizione di giornata è andata a Umberto Caronna (Can-Am), che ha chiuso a pari punteggio con Filippo Goria (KTM) ma è salito sul terzo gradino del podio in virtù della discriminante che considera il miglior punteggio in gara 2. Paolo Bellante conferma così la sua seconda posizione di campionato, precedendo Filippo Goria.

Atteso il risultato anche nella categoria Quad Sport, la più affollata del campionato, dove, come da pronostico, il titolo è andato al giovane Paolo Galizzi (Can-Am), grande protagonista della stagione e vincitore anche a Salmour; alle sue spalle in questo appuntamento Arturo Ardoisio (Can-Am) e Patrick Turrini (Yamaha). La classifica di Campionato Italiano Sport vede in second aposzione alle spalle di Galizzi, Majcol Porracin (Yamaha); terzo Nicolò Roagna (Yamaha). 

Il Trofeo Assoluto Quadcross, che assegna la Coppa Italia 2017, è stato vinto dal giovane Samuele Fiora, domiatore di entrambe le manche sulla pista piemontese, che per un solo punto ha battuto Lorenzo Alfaroli secondo di giornata e nel Trofeo, terza posizione sul podio di Salmour per il Toscano Alessandro Savone mentre nel Trofeo ha conquistato il terzo gradino del podio Roberto Vendetta.

Infine la Elite, dove il designato al titolo era chiaramente Andrea Cesari Jr. (Yamaha), al quale era sufficiente una vittoria di manche per aggiudicarsi una corona inseguita con autorevolezza e determinazione per l’intera stagione. E Cesari non si è fatto attendere: colui che ha dimostrato di essere il più forte pilota quad tricolore (e probabilmente d’Europa), ha siglato il suo finale di stagione con una vittoria netta in gara 1, per poi “accontentarsi” di un terzo posto in gara 2 e vincere ancora la Supercampione. Comunque mai domo, il suo avversario Simone Mastronardi (Yamaha), sebbene non al 100% della forma fisica, non ha mai mollato il gas, centrando il secondo posto in gara 1, la vittoria di gara 2 ed il secondo posto nella Supercampione. Il podio finale della gara e la classifica di campionato Elite, ha visto così al primo posto Andrea Cesari ed al secondo Mastronardi. Terzo piazzamento sia in gara sia in campionato per Nicola Ciceri (Yamaha).