Fuoristrada

ISDE. Nel Trofeo Junior l’Italia resta la principale avversaria della Francia

I giovani azzurri rimangono secondi a 43’’ dai transalpini. L’infortunio di Oldrati interrompe la rimonta nel Trofeo. La Nazionale femminile è sempre quinta mentre il Moto Club Italia mantiene la leadership. 

La Maglia Azzurra Junior prosegue l’inseguimento alla Francia, squadra leader nella categoria riservata ai giovani. Su un terreno reso viscido dalla pioggia, Andrea Verona (foto) e Davide Soreca sono stati protagonisti di un’ottima giornata: il veneto, grazie a un tempo di 37’16’’75 ha chiuso al terzo posto tra gli Under 23 mentre il ligure ha terminato il quarto giorno di gara con un crono di soli 3’’85 superiore a quello del compagno di squadra. I due si sono piazzati rispettivamente al 6° e all’8° posto della E1. Leggermente più attardato Matteo Cavallo. Al termine del Day 4, l’Italia ha mantenuto la seconda posizione perdendo solamente 5’’ dai transalpini. Le due formazioni ora sono separate da 44’’73 mentre gli Stati Uniti sono terzi a 1’15’’ dalla nostra Nazionale.

La sfortuna continua a colpire l’Italia nel FIM World Trophy, che vede al comando i transalpini. Dopo i 21’ accusati da Giacomo Redondi nel primo giorno di gara a causa di un problema al freno posteriore, questa mattina Thomas Oldrati non ha potuto prendere il via per le conseguenze di una caduta nella quarta Prova Speciale di ieri. Il pilota ha riportato una microfrattura al polso sinistro che lo ha costretto al ritiro. L’Italia è così fuori dai giochi per un piazzamento di rilievo nella classifica finale. Relativamente alle prestazioni individuali, i piloti azzurri si sono ben comportati: Davide Guarneri ha siglato l’ottavo tempo di giornata (e 4° della E1) in 36’38”95, a 1’42” dal leader spagnolo Josep Garcia. Tra i primi 15 anche Alex Salvini e Giacomo Redondi, 5° e 7° nella E2.

Continua senza particolari difficoltà il cammino della nazionale femminile, ancora al quinto posto con Cristina Marrocco confermatasi la più veloce delle azzurre. Manue Monni ed Emanuele Facchetti hanno nuovamente occupato le prime due posizioni della C3, con Lorenzo Macoritto nella top 10 della C2. Il Moto Club Italia ha quindi mantenuto la prima piazza con un vantaggio di 13’’72 sull’Auvergne Elite.

L’intera news sul sito magliazzurra.it