Fuoristrada

Faenza si prepara ad accogliere il Mondiale Cross

Dopo l’esaltante weekend di Mantova, il mondiale di motocross 2007 torna in Italia. Come è noto, infatti, dopo la defezione del Sud Africa, dovuta a motivi organizzativi, la Federmoto e la DBO hanno offerto a Youthstream la possibilità di recuperare la decima prova del campionato nel nostro paese. Così proprio a Mantova è stato annunciato che il 15 luglio la MX1 e la MX2 saranno di nuovo di scena in Italia, e precisamente al crossodromo Monte Coralli. L’evento ha assunto la denominazione di Gran Premio di Faenza – Città delle Ceramiche, con una chiara citazione del principale (e più fiorente) comparto economico presente sul territorio.


 


Il Moto Club della città romagnola si è trovato nella condizione di dover garantire la propria disponibilità in poche ore. In realtà lo staff presieduto da Gian Luca Frattini già sapeva di poter contare su un impianto profondamente rinnovato lo scorso anno per ospitare il Mondiale MX3 e già destinato ad ulteriori interventi in vista della 14a ed ultima prova del campionato della massima cilindrata in calendario per l’8 e 9 settembre prossimi.


 


Comunque già dalla metà di maggio, dopo i sopralluoghi compiuti da DBO, sono iniziati i lavori che stanno interessando l’intera struttura e che la renderanno pronta, il 15 luglio, ad accogliere la grande kermesse iridata. Una prima ispezione medica e sportiva, compiuta il mese scorso, ha promosso l’impianto. Poi l’attenzione si è tutta spostata sul tracciato. Comunque, rispetto alla configurazione ben nota, la struttura di Monte Coralli si presenterà con i gradoni del paddock allo stesso livello (intervento già programmato per il mondiale MX3); inoltre sono state già approntate le aree di parcheggio per auto e camper e programmati gli interventi per la viabilità. Inoltre, d’intesa con il Comune, che è proprietario dell’impianto, si sta pensando ad un ampliamento della strada d’accesso al circuito. In vista del mondiale MX3 dello scorso anno furono poi realizzati un nuovo impianto di lavaggio moto (che attinge ad un laghetto artificiale), ulteriori strutture di servizio mentre è stato potenziato l’impianto di irrigazione che copre tutta l’estensione del tracciato.