Fuoristrada

Enduro: S. A. E. sbarca ad Iglesias, in Sardegna

La stimata scuola di enduro torna nella bella cittadina cagliaritana già eccellente sede di un incontro S.A.E. nel 2006. 50 gli allievi presenti.


 


Per la prima volta S.A.E. torna in un campo scuola già saggiato nel precedente anno, precisamente nell’aprile 2006 abbinato per l’occasione alla prova inaugurale del campionato europeo. Così incalzante ed altrettanto gradevole la richiesta che lo staff capitanato dall’instancabile tecnico federale Alessandro Comotti non è riuscito a rinunciare alle lusinghe del moto club Iglesias, fin da subito catturato dall’atmosfera e dalla filosofia che da tre anni muove questo progetto giovanile.


Si conferma così il motto “S.A.E. lascia il segno” visto che di riflesso alla bella esperienza vissuta nella passata stagione è scaturito un vero campionato regionale minienduro con una media di 20 piloti a gara, innescato dall’influsso S.A.E. ma soprattutto dalla volontà di Carlo Piccardi presidente del moto club Iglesias e di Maurizio Cubadda responsabile del settore giovanile che per primi hanno creduto in quest’avventura. Ancora sorprendenti soddisfazioni quindi per Comotti ed il responsabile federale Nico Bignami intensificate con la lezione di mercoledì 25 aprile, terza stagionale, bissando l’impeccabile laboriosità del club cagliaritano e dell’intero comitato regionale che ha ben pubblicizzato l’evento. 50 i giovanissimi che ansiosi si sono dati appuntamento nel centro sportivo “Le Ceramiche” messo a disposizione dall’assessore allo sport del comune di Iglesias trascinato in prima persona dal figlio che non ha resistito all’emozione di salire in sella per la prima volta. Come lui tanti altri i bambini che attraverso S.A.E. sono riusciti a fare il loro primo giro di pista attentamente osservati dal “prof.” Comotti che ha alternato lezioni pratiche a nozione teoriche sul corretto assetto da tenere in sella. Encomiabile il supporto del moto club che ha coinvolto anche i genitori ottimizzando la riuscita della manifestazione impreziosita anche da una imbandita “tavolata” nel corso della pausa pranzo che ha dato vita ad un divertente ed importante momento di aggregazione.


“Sono veramente soddisfatto di questo avvio stagionale – dichiara Bignami – non nascondo che inizialmente l’idea di non abbinare più S.A.E. ad altri eventi agonistici mi intimoriva, ma visti gli appuntamenti finora sostenuti non posso che confermare la scelta fatta. A parlare sono gli stessi quantitativi, tre lezioni e tutte con oltre 40 partecipazioni senza contare l’entusiasmo e la soddisfazione palesato dagli stessi bambini, genitori e moto club che riesce finalmente a convertire tutte le energie sulla S.A.E. senza essere distratti da un impegno gravoso come quello di organizzare una gara di enduro, questo ne giova ovviamente in qualità”.


 


La S.A.E. non conosce festività, martedì 01 maggio traghetterà infatti in Sicilia per l’ennesima lezione che si terrà a Contrada Maganoce-Piana degli Albanesi (PA) proprio nei terreni dove domani si correrà la 2^ prova di campionato italiano MiniEnduro.