Fuoristrada

Enduro: i Major scendono in pista a San Severino Marche

Dopo quasi tre mesi di silenzio si accendono i motori per i piloti Over 33. Secondo atto atteso domenica 14 giugno nelle Marche nella medievale città di San Severino (MC).

Le Marche ancora protagoniste dell’enduro nazionale. Dopo gli Assoluti di Pievebovigliana il 23 e 24 maggio tocca alla suggestiva città d’arte di San Severino Marche ospitare la carovana degli amanti delle mulattiere e precisamente gli infaticabili piloti major. Lontani per quasi tre mese dalle scene tricolori, 237 riders over 33 domenica 14 giugno transiteranno per le vie cittadine settempedane per disputare la seconda tappa di campionato dopo la annaffiata prova inaugurale di Sanremo. Terreni già saggiati nel 2005 proprio dai piloti major e sempre grazie alla volontà del moto club Settempedano che per un fine settimana metterà da parte l’esperienza nel cross per riversarla nelle speciali e nelle mulattiere. Istituito nel 1949, per il 60^ anniversario di fondazione tra i numerosi impegni nazionali e regionali con il motocross grazie allo spettacolare circuito San Pacifico omologato prima categoria super internazionale, il sodalizio marchigiano presieduto da Mario Eugeni ha infatti voluto impreziosire ulteriormente il proprio palmares. 

A fare da teatro la scenografica città di San Severino che anticamente si chiamava Septempeda del quale nucleo oggi restano soltanto poche rovine nell’area archeologica in località Pieve dal quale è ben visibile a distanza la torre comunale (alta 40 metri e lievemente inclinata). Posta a 236 metri sul livello del mare, è attraversato dal fiume Potenza con un’estensione prevalentemente collinare stimata città d’arte che vanta numerosi castelli e opere in stile gotico. Non poteva quindi mancare il più chiassoso critico d’arte italiano Vittorio Sgarbi che fu prima consigliere comunale nel 1990 e successivamente nel 1992 divenne sindaco. Ma San Severino ha dato i natali al pilota Juri Simoncini campione europeo nel 2004 e tricolore in carica della 450 4T Senior chiamato dagli amici del Settempedano per “coadiuvare i lavori” insieme all’amico pilota Massimiliano Luzi, ed è proprio il campione marchigiano ad illustrarci il percorso articolato su 3 giri da 70 km ricavato nei comuni contigui di Castelraimondo e Serrapetrona. Due le prove speciali, l’enduro test (6.000 m.) in località Colle Luce tre chilometri dopo la partenza, un prova in linea mista e molto lunga che alterna tratti veloci a tratti più guidati e leggermente estremi tra i sassi. Dopo un’ora circa i piloti sosteranno per il Controllo Orario situato nella verde Valle dei Grilli conosciuta anche come Gola di Sant’ Eustachio, per la presenza dell’omonima abbazia, incastonata nella parete rocciosa. Ancora un’ora di trasferimento e prima di giungere in area paddock disposta nel Viale Settempeda, i piloti si sfideranno nello storico crossdromo San Pacifico che ospiterà parte del cross-test (3.700 m.). Già da sabato 13 si sentirà echeggiare il sound dei motori a 2 e 4 tempi, a partire dalle ore 10.00 fino alle ore 17.00 (con pausa dalle 12 alle 14) si svolgeranno infatti le operazioni preliminari.
 
Ma non sarà l’unica musica a rallegrare le vie cittadine. Nell’ampia e armoniosa Piazza del Popolo, (che conserva la stupenda struttura di forma ellittica) in occasione della festa del patrono (08 giugno), san Severino vescovo che diede nome al nuovo nucleo, la locale Associazione Palio organizza, col sostegno del Comune, la nota rievocazione storica del Palio dei Castelli. E proprio sabato 13 si terrà la serata finale caratterizzata dal corteo e dalla suggestiva corsa delle Torri a cui fa seguito l’assegnazione del Palio.
 
I festeggiamenti si protraggono per circa dieci giorni all’inizio di giugno e vengono ripetuti ogni anno ormai dal 1972. In pratica la città si rituffa con costumi, suoni, giochi popolari, gastronomia dell’epoca, quella del ‘400 quando dominava la Signoria degli Smeducci. Il moto club in collaborazione con l’Associazione Palio consegnerà alle iscrizioni un biglietto omaggio a ciascun pilota affinché siano ulteriormente affascinati a partecipare a questo fiabesco evento.
 
Svolgendo lo sguardo al campionato e ai suoi protagonisti, le graduatorie vedono governare ovviamente i vincitori delle classi alla prova inaugurale sulla sabbia sanremese, vale a dire Pierluigi Surini (Aprilia RS Moto) nella Master1, Cristian Spreafico (HM Honda Full Bike) nella Master 3, Fabrizio Hriaz (Suzuki Valenti Johnny Moto) nella Expert 1, Roberto Cesareni (Suzuki) nella Expert2, Mauro Moretto (KTM) nella Expert3 e gli intramontabili Angelo Signorelli (Yamaha MTG Gaiardoni) tra i Veteran e Remo Fattori (KTM) tra i Superveteran. Via libera invece ad Andrea Cabass (HM Honda) e Salvatore Scala (HM Honda) inseguitori nella classe Master1 visto che il capolista Fabio Benzoni non si presenterà in terra marchigiana. Non avrà invece vita facile il leader della Elite Major nonché mattatore assoluto nella sua Liguria Giuseppe Gallino (HM Honda) che dovrà difendersi dagli attacchi del fiorentino Alessio Paoli (HM Honda Team 2P) al suo prima via tra i major e uno tra gli azzurri più famosi della derapata Attilio Pignotti (HM Honda). Lo spettacolo è quindi assicurato.
 

var addthis_pub=”federmoto”;