Fuoristrada

Enduro: gli Assoluti approdano a Viverone per il via ufficiale

Dopo la pausa invernale torna ad accendere i motori il campionato più rinomato dello scenario italiano: gli Assoluti d’Italia, affiancati dalla consueta Coppa Italia. Ad ospitare il primo round sarà l’accogliente Viverone, in provincia di Biella.

 

Scatterà domenica 28 marzo, dalle sponde del Lago di Viverone (BI) il via ufficiale degli Assoluti d’Italia targati 2010 a cura del Motoclub Azeglio. A differenza degli scorsi anni però, quella del campionato maggiore non sarà la prima tappa della stagione ma la seconda dato che, lo scorso weekend, si sono confrontati a Cala Gonone (NU) i piloti del Campionato Under23/Senior.

 

La gara prevede un percorso di circa 224 km attende i migliori piloti sullo scenario italiano ed internazionale del momento, per un totale di 4 giri comprendenti tre speciali (un fettucciato, una linea e una estrema).

Scesi dalla pedana di partenza (fissata per le ore 9.00), i piloti dovranno effettuare, dopo un trasferimento di circa 20 km, un fettucciato di circa 3 km, disegnato su una zona pianeggiante, in località Albiano d’Ivrea. Appena usciti dalla speciale, i concorrenti si troveranno subito al C.O. per il consueto rifornimento; si cimenteranno poi in una dura prova speciale, lunga circa 6-7 km e caratterizzata da un terreno misto tra terra e sabbia. Prima di raggiungere la prova estrema, i piloti affronteranno un trasferimento in mezzo al bosco di una quindicina di km, per poi terminare il giro al paddock.

Oltre una settantina di uomini saranno impegnati lungo il percorso divisi tra il moto club organizzatore, e il Mc Alfieri, che collabora nella realizzazione della tappa piemontese. Ad aiutare inoltre ci saranno una trentina di uomini della protezione civile locale, la Pro Loco di Viverone e lo stesso comune.

Da sottolineare inoltre la numerosa partecipazione dei piloti presenti a questa prima prova del campionato. Ben 193 i conduttori schierati al via (di cui 96 a tutta la stagione) contro i 120 dello scorso anno. Tanti nuovi volti, ma anche alcune pesanti assenze. Non prenderanno infatti via a tutto il campionato il Campione del Mondo Mika Ahola e l’italo-francese Antonio Meo, anche se sarà presente a Viverone.

 

Grandi cambiamenti in campionato quest’anno. Nella 125 2t non ci sarà più Thomas Oldrati a difendere il tricolore conquistato l’anno scorso, passato tra le fila della 250 4t. A darsi battaglia nella classe minore ci saranno il vice campione italiano Roberto Bazzurri che si confronterà anche quest’anno con il giovane Jonathan Manzi, rientrato a difendere i colori del Team Italia. Da tener sott’occhio sono anche Maurizio Gerini, quest’anno in sella alla Husqvarna scende di cilindrata, e il neo arrivo nel mondo dell’enduro Giacomo Redondi, schierato tra le fila del Team KTM Farioli.

Passa ai 2t, dopo anni sulle quattro tempi, il Campione Italiano Simone Albergoni (KTM Farioli) che quest’anno battaglierà con gli agguerriti Luca Cherubini pronto a difendere i colori della TM e l’azzurrino del Team Italia, Michael Pogna (KTM GP).

Grandi sfide si attendono nella “dueemezzo” 4t dove numerosi big dell’enduro nazionale si schiereranno al via. Oltre ad Oldrati, a contendersi il tricolore 2010 ci saranno il Campione Italiano della 500 Fabio Mossini, e i tre neo-papà del paddock: Alessandro Zanni in sella alla sua Yamaha del Daihatsu Terios Team, Vanni Cominotto (Yamaha MO-TO RP Racing), Maurizio Micheluz (TM Racing).

Nella 450 4t, il detentore del titolo ’09 dovrà tenere la manopola del gas ben aperta per tenere dietro di se Alessandro Belometti (KTM Farioli), tricolore l’anno scorso della quarto di litro. Altri pretendenti al titolo saranno sicuramente il pilota della Beta Fabrizio Dini, Maurizio Facchin, chiamato quest’anno a portare in alto il nome della Yamaha del Team MO-TO RP Racing e il giovane pilota dell’Iron Racing Team, Edoardo D’Ambrosio.

Nella cilindrata maggiore, la 500, i colossi dell’enduro sono chiamati a difendersi in tutti i modi. Sfide all’ultimo minuto saranno condotte da Alessandro Botturi (Iron Racing Team) e dal più giovane della generazione Gritti, Mirko (Beta). Da non sottovalutare infine un agguerrito Alessio Paoli.

Tra gli stranieri, come detto prima, assenza pensante nella penisola italica di Mika Ahola. Saranno comunque 12 quelli che prenderanno il via domenica 28 e che si sfideranno per la conquista del titolo di supercampione e di miglior straniero.