Fuoristrada

Enduro: Daihatsu Terios Team Report

Una panoramica sull’andamento della stagione del Daihatsu Therios Team Enduro dopo le prime tre tappe degli Assoluti e la prima tappa del Campionato Europeo Enduro.

Il debutto dei campioni d’Italia e d’Europa negli Assoluti d’Italia, il 7 e 8 marzo a Chiusdino è stato reso difficile dal fango e dal maltempo. Anche i risultati sono stati non soddisfacenti e a questi si è aggiunta la rottura del motore di Canova e Facchin che hanno reso vane le battaglie di Belotti e Falgari, rispettivamente 3° e 4° nella 250 4T. Il regolamento, infatti, impone l’arrivo di almeno tre componenti del team.

Tutta un’altra gara la seconda prova degli Assoluti in Abruzzo dove i piloti del Daihatsu Terios Team hanno conquistato ben cinque podi: uno ciascuno nella 250 4T, 450 4T, 500 4T e due nella classifica per team confermando la volontà d’essere sempre più protagonista.
 
Ci si sposta nelle Marche per la terza tappa degli Assoluti e stavolta “Ci siamo ripresi in un colpo solo la fortuna che non abbiamo avuto nelle prime gare della stagione” parole di Enrico Bertolini Direttore Generale di Daihatsu. Infatti Zanni si piazza secondo e terzo e recupera così diverse posizioni anche nella classifica provvisoria di campionato della 450 4T giungendo ad un soffio dal podio. Le buone prestazioni di Facchin, Falgari, Belotti e Canova hanno portato a una vittoria e a una seconda posizione nella classifica a squadre. Giancarlo Comotti, presidente del Daihatsu Terios Team commenta così la prestazione in terra marchigiana: “Le temperature e la durezza del percorso hanno reso la gara ancora più impegnativa. Ma le soddisfazioni che ci hanno regalato ancora una volta i nostri piloti sono impagabili”.
 
Il Campionato Europeo inizia in uno scenario quasi apocalittico in Francia l’11 e 12 aprile. Con le ruote nel fango fino ai mozzi, una temperatura artica e una pioggia incessante i cinque alfieri del Daihatsu Terios Team hanno ottenuto una seconda e terza posizione nella classifica per Team. “Essere riusciti a concludere questa gara con tutti i cinque piloti, portando a casa punti “pesanti” per il terreno e per la classifica, è comunque un risultato importante” – ha commentato ancora Enrico Bertolini.  
 

var addthis_pub=”federmoto”;