Fuoristrada

Enduro – Assoluti d’Italia: Merriman firma la prima giornata aretina

Anche nella seconda tappa corsa nella scenografica città di Castiglion Fiorentino  si è riproposto il duello Merriman-Aubert vinto dall’australiano di Aprilia. A trionfare invece nelle classi  Bazzurri, Belotti, Albergoni, Dini e Botturi


 


Quest’oggi (ieri ndr) tutto si è svolto per il meglio, la giornata è stata soleggiata e pure ventilata, buona l’affluenza di pubblico, concentrato soprattutto nel veloce cross-test a Pergognano. Particolarmente apprezzata la presenza di Elena Meoni con la piccola figlia Chiara “Sono convinta che anche Fabrizio ci stia osservando da lassù e sarebbe orgoglioso di questa bella giornata di sport” è lei stessa a pronunciare queste toccanti parole al microfono dello speaker Franco Iannone, nel suggellare una prima giornata di gara davvero emozionante e per la terza volta impeccabilmente gestita dal moto club Castiglion Fiorentino Fabrizio Meoni. A confermare il valore tecnico della prova aretina anche la presenza di molti piloti stranieri quali Jari Mattila (Beta), Valtteri Salonen (Husaberg) ed il sette volte campione mondiale Anders Eriksson (Husqvarna CH) tornato alle gare dopo il tragico scontro in Finlandia di due anni con il compagno Mika Saarenkoski.


La kermesse toscana è stata inaugurata dalla consueta conferenza stampa nella Sala Pinacoteca del Palazzo Comunale di venerdì 13 e seguita poi dalla piacevole presenza a Radio Onda Blu di Angiolo Barbagli direttore di gara, del coordinatore nazionale Franco Gualdi, il commissario tecnico Gionni Fossati, il responsabile Immagine e Comunicazioni di Axiver Tony Mori ed i due giovani del Team Italia Maurizio Gerini e Mattia Traversi in rappresentanza dei piloti che in diretta hanno risposto a curiosità, domande e battute della conduttrice chiarendo agli utenti la specialità e la spettacolarità della disciplina enduro.


Lunga e degna di una prova di assoluti questa giornata, con sette ore di gara ed un totale di nove prove speciali. Una e precisamente la prima enduro test del secondo giro è stata annullata in seguito alla rovinosa caduta di Simone Tonelli, la cui moto ha intralciato il passaggio dei piloti successivi che per primi hanno prestato soccorso compromettendo così la loro prova. Fortunatamente solo contusioni e tanta paura invece per lo sfortunato pilota spezzino di Hm Dippolito Squadra Corse. Le emozioni e lo spettacolo vero sono stati ancora una volta Stefan Merriman e Johnnj Aubert ad offrirli. I due che si sono divisi le vittorie assolute nella tappa inaugurale di Bussi sul Tirino hanno innescato anche tra le carregge aretine un continuo avvicendarsi ed alla fine nonostante un avvio non proprio velocissimo Merriman è riuscito a polverizzare secondi sul francese di Yamaha Ufo Corse portando la sua bicilindrica veneziana sul gradino più alto relegando alle spalle l’avversario di 21 secondi che sicuramente cercherà di spodestare dal trono assoluto l’australiano e per farlo avrà a disposizione un giro in meno ed ancora nove prove speciali. Leggermente più staccato invece il finlandese di Hm Zanardo Mika Ahola ma comunque ottimo terzo assoluto.


CLASSE 125 2T: riscatto compiuto per il perugino Roberto Bazzurri (Husqvarna CH) che questa volta non è stato secondo a nessuno mettendosi alle spalle un ottimo Giuseppe Canova (Ktm) che per un soffio precede il talentuoso vincitore di Bussi Thomas Oldrati (Ktm Farioli) non in perfetto stato fisico per una caviglia malconcia causa un allenamento.


CLASSE 250 2T: una finale da cardiopalmo tra i due protagonisti della quarto di litro Oscar Balletti (Hm Zanardo) ed il detentore del titolo Andrea Belotti (Ktm Farioli). A prevalere per meno di un secondo è l’alfiere in arancio questa volta apparso molto più costante e determinato del piacentino. Terzo posto e davvero meritato per il ligure Giuseppe Gallino (Hm) piazzatosi a solo sei secondi dai due giovani mattatori della corsa.


CLASSE 250 4T: Simone Albergoni (Yamaha Ufo Corse) è riuscito a togliersi uno scomodo sassolino dallo stivale oggi riprendendosi anche se per un soffio il primo posto occupato proprio dal bravo e tenace compagno di casacca Maurizio Micheluz. Non si schioda invece dalla terza piazza il bergamasco Alex Belometti (Ktm Farioli).


CLASSE 450 4T: Nella gara fuori dalle porte di casa Fabrizio Dini (Yamaha Ufo Corse) non poteva mancare l’appuntamento con la vittoria e grazie ai supporters che l’hanno tifato prova per prova l’oro è giunto più facilmente. Si dimostra comunque un osso duro per Dini ma anche per tutti gli altri colleghi Tullio Pellegrinelli (Hm) secondo e davanti di sette secondi ad un ritrovato Giovanni Sala (Ktm Farioli) davvero motivato oggi.


CLASSE 500 4T: sembra veramente aver ingranato la marcia giusta il lumezzanese Alex Botturi che in sella alla sua Hm 490 firmata Zanardo ha anticipato uno specialista, nonché tricolore in carica, del calibro di Fabio Farioli (Ktm Farioli). Terzo posto ma vale decisamente una vittoria il piazzamento di Alex Zanni (Tm Racing Berloni) non certo baciato dalla fortuna in queste ultimo periodo prima l’uscita della spalla e la schiena bloccata poi che l’ha obbligato al riposo forzato per circa una settimana.


Per i risultati di squadra da segnalare la vittoria tra i Team Indipendenti di Husqvarna Mucci Racing, mentre tra le squadre con i tre primi posti di Bazzurri, Botturi e Dini è il Trial David Fornaroli a dettar legge.


 


COPPA ITALIA: gara nuova, vincitori nuovi. La classe 1 a sorpresa se l’aggiudica il marchigiano Gabriele Pagnoni (Tm ), mentre la classe 2, con il ritiro di Mattia Moretti, viene firmata da Roberto Rota (Hm TRS). La classe 3 è invece dopo una lunga bagarre con Mauro Rolli (Ktm) è all’appannaggio di Simone Fiaccadori (Honda)