Fuoristrada

Domenica prossima “scontro finale” per gli Internazionali d’Italia di Motocross

Tutto è pronto per l’assegnazione dei titoli di Campione degli Internazionali d’Italia Motocross 2007. Sarà lo scenografico circuito del “Centro Sportivo Galaello”, a Gazzane di Preseglie (BS) ad ospitare l’ultima prova del più importante campionato fuoristrada del territorio nazionale.


 


Sette mesi sono passati da quando gli Internazionali d’Italia hanno disputato la prima parte di questo avvincente campionato prima di lasciare spazio alla scena iridata e ripresentarsi, domenica scorsa a San Severino Marche (MC), per dare vita al rush finale che si concluderà il prossimo week end. Sesta ed ultima prova in programma dopo una stagione estenuante sia per gli uomini che per i mezzi. La macchina organizzativa della Off Road Proracing, coordinata dallo staff della Federazione Motociclistica Italiana, non conosce soste ed ha gia approntato il “palcoscenico” che manderà in onda l’ultimo atto. Attore protagonista, il glorioso crossdromo gestito dagli uomini del G.S. Galaello.


 


Assegnato con una gara di anticipo il titolo di Campione Italiano under 19 a Mauro Fiorgentili (KTM Digital Foto Shop) sul tracciato che da sempre lo vede protagonista nella “sua” San Severino Marche dove ha dimostrato, se ce ne fosse stato bisogno, che è stato lui l’incontrastato dominatore di questo torneo. Sette vittorie e tre secondi posti, sulle dieci manche disputate fino ad oggi, la dicono lunga su come Fiorgentili abbia annientato i propri avversari. Lotta aperta per il podio dove Giò Di Palma (Yamaha – Gariboldi) dovrà contrastare la rincorsa di Stefano Pezzuto (KTM – TDR) che cercherà di far sua la seconda piazza recuperando i 6 punti che lo separano dal rivale. Terzo incomodo che risponde al nome di Nicola Dolce (Kawasaki – Mitico Car 2001). Il pilota di Esanatoglia (MC) ha conquistato domenica scorsa a San Severino il suo primo successo in una manche tricolore e si presenterà al Galaello motivato e determinato a dare battaglia. Ardua la sua impresa che lo costringe a recuperare ben 29 lunghezze sul terzo gradino del podio.


 


Titolo assegnato per la categoria under 19 e pura formalità per David Philippaerts (KTM Red Bull) in MX1. Serviranno soltanto 8 punti al pilota ufficiale KTM per aggiudicarsi questo suo primo titolo della massima cilindrata. Nella classifica di campionato italiano, nove vittorie ed un secondo posto compongono il ruolino di marcia di colui che il prossimo anno vestirà la maglia blu della Yamaha per far coppia con Joshua Coppins e tentare di riportare il titolo iridato nella sede parmense del Team gestito dai fratelli Michele e Carlo Rinaldi. Alex Salvini (Yamaha 3C Racing) occupa la seconda piazza con 42 punti di distacco. Il bolognese sta attraversando un periodo di splendida forma e si è reso protagonista di un finale di stagione pressoché perfetto. Determinante il suo apporto alla Nazionale Italiana cha ha conquistato in Germania (Gaildorf) insieme a Deny Philippaerts (Honda – RBS), fratello minore di David, ed a Manuel Monni (Yamaha 3C Racing) la vittoria nel Motocross Europeo delle Nazioni bissando il successo ottenuto lo scorso anno. Se Philippaerts si trova ad un passo dal titolo, a Salvini mancano soltanto 3 punti per aggiudicarsi la piazza d’onore. 47 lunghezze di distacco dividono il pilota di Monterenzio da Cristian Beggi, passato dalla WRM alla Honda del Max Racing per le ultime gare di stagione, Lotta serrata per la conquista del terzo gradino del podio che vedrà contendenti al piazzamento oltre che Beggi, Manuel Priem (TM Racing Berloni) e Andrea Bartolini (Yamaha MRT). Racchiusi in un fazzoletto di 11 punti, i tre si daranno battaglia per la medaglia di bronzo.


Da prevedere una grande bagarre in MX2. Antonio Cairoli (Yamaha – Decarli), incontrastato dominatore della scena iridata con la conquista del suo secondo titolo di Campione del Mondo ed attuale leader della classifica generale, dovrà guardarsi le spalle per arginare l’attacco deciso del pilota, passato da poco a far parte del G.S. Fiamme Oro, che risponde al nome di Manuel Monni (Yamaha 3C racing). Solo 10 punti dividono i due e con i 50 ancora in palio nelle due manche del Galaello, tutto potrà accadere. Distanziato di 49 lunghezze da Monni, Davide Guarneri. Assente causa infortunio alla quarta prova disputata a Malpensa (MI) Davide recrimina un conto aperto con la fortuna che cercherà in tutti i modi di saldare, sul tracciato che più volte lo ha visto protagonista. Bresciano D.O.C. il “pota” ha conquistato la vittoria assoluta a San Severino Marche (MC) vincendo la sua prima manche di questo campionato 2007. Quarto incomodo e pronto a scalzare Guarneri dal podio, il compagno di squadra di Cairoli, Matteo Bonini (Yamaha – Decarli). 7 punti quelli che dovrà recuperare Matteo per aggiudicarsi l’ultimo gradino del podio. 7 punti che su un tracciato tecnico ed impegnativo come quello del Galaello sono pochi ma possono essere un’infinità.


 


Quella del motocross, del motocross vero è l’unica regola che regna sovrana al Galaello. Un tracciato che non ammette scusanti, non permette errori, non accetta compromessi. Se dai il “gas”, se sei in forma, passi, altrimenti “semaforo rosso” per tutti, tra i saliscendi della splendida vallata che ospita il mitico circuito teatro di sfide epocali del motocross degli anni ruggenti. Sfida epocale ci aspetta.