Velocità

Domenica al Mugello parte il CIV 2007

Griglie piene in tutte le classi. In pista anche i piloti della Yamaha R6 Cup


 


Come tutti i grandi protagonisti si è fatto un po’ attendere ma ora, finalmente, parte anche il Campionato Italiano di motociclismo Velocità – CIV 2007.


Ultimo dei tornei tricolore a prendere il via, il CIV 2007 debutta su un grande palcoscenico mondiale, l’Autodromo del Mugello, dove sabato 21 e domenica 22 è in programma la prima, attesissima prova.


Considerato la massima espressione tecnico – sportiva delle due ruote a motore, il CIV attira l’interesse di una grande quantità di appassionati e catalizza su di sé l’attenzione delle maggiori case costruttrici di moto, pneumatici e componenti impegnate nelle competizioni; si conferma inoltre la presenza di tanti piloti e team di altissimo livello che stanno offrendo il massimo anche in campo internazionale.


 


Per il settimo anno consecutivo il CIV è gestito, su incarico della Federazione Motociclistica Italiana, della SPORT promotion, la società riminese che ha rilanciato il Campionato Italiano Velocità. Il calendario si articola su sei prove, organizzate in collaborazione con i moto club e gli autodromi che ospitano le gare; dopo il Mugello, la sequenza prevede per il 6 maggio Monza, il 10 giugno Vallelunga, il 24 giugno Misano, il 16 settembre ancora Misano ed il 14 ottobre l’epilogo di nuovo al Mugello.


Le classi sono le canoniche quattro e cioè 125 G.P. Marvic, Superstock 1000 Motociv.com, 600 Super Sport Rapid Bike e Superbike PBR-EK. Ai fini della classifica finale non sono previsti scarti.


 


Al primo appuntamento della stagione sono iscritti oltre 160 piloti solo nelle quattro classi del CIV, un presenza straordinaria che conferma l’attenzione dei piloti italiani verso le categorie a quattro tempi e che segna un’eccezionale ripresa della 125 Gran Prix.


 


Proprio nella ottavo di litro, che conferma l’abbinamento con lo sponsor Marvic, dopo i segnali i crisi della stagione scorsa, l’intervento della Federmoto sulle case ha dato gli esiti sperati tanto che la griglia è praticamente al completo e con un buon numero di giovanissimi provenienti dalla Junior G.P. e dalla Coppa Italia decisi a dare una scossa ai valori già conosciuti. Al via anche alcuni piloti esperti, pur con un età che raramente supera i 20 anni. Fra questi Simone Sancioni (Aprilia – RCGM Team) ed il portacolori della Honda – Kuja Racing Michele Conti. Della partita saranno anche Jacopo Caraffini (Honda – Emmebi Team), Nico Vivarelli (Honda – Racing Service), Riccardo Moretti (Honda –  CRP) e tre giovani che hanno già respirato l’aria del mondiale come Antonino Palumbo (Honda  Ellegi), Gabriele Ferro (Honda  – B&B Racing Service) e Roberto Lacalendola (Aprilia).


Da sottolineare infine la partecipazione all’intero campionato della giovanissima pilotessa sarda Giulia Atzori (Aprilia), appena sedicenne.


 


L’affollatissima Superstock Motociv.com non schiera il campione in carica Luca Scassa “emigrato” a cercar fortuna in America, sempre in sella alla Mv Agusta, ma nella Superbike. Facile quindi, pronosticare ottime chance per Claudio Corti, rimasto fedele alla Yamaha Team Italia. A contrastare il comasco ci saranno sicuramente il suo compagno di team Michele Pirro, Fabrizio Pellizzon approdato alla Ducati, l’ex enfant prodige Matteo Baiocco (Yamaha), sempre più brillante a livello internazionale, e poi i due giovani provenienti dalla ottavo di litro Lorenzo Baroni (Ducati Sterigarda), che con i suoi 16 anni è il più “verde” del gruppo, e il campione in carica della 125 GP, Luca Verdini, che scenderà in pista sempre con i colori RCGM, in sella alla Yamaha. Da non dimenticare il “senatore” (per la categoria, limitata agli under 30), Maurizio Prattichizzo (Suzuki – ValdoMoto), 3° nel 2006 dietro Scassa e Corti, l’ex-campione europeo Vittorio Iannuzzo (Kawasaki – Papamoto) e l’esperto mantovano Ivan Goi (Suzuki – Goi). Tra le MV Agusta, da tenere d’occhio quella con il numero 199 affidata da Unionbike Gimotorsport al laziale Danilo Dell’Omo.


 


La 600 Super Sport – Rapid Bike presenta il campione in carica Massimo Roccoli, ancora in sella alla Yamaha – Team Italia, ma a contrastargli la strada, oltre al suo grande rivale della stagione scorsa Gianluca Vizziello, approdato al team Yamaha – RG, ci sono ben altri quattro ex caschi tricolori: Cristiano Migliorati in sella alla Kawasaki del Team Lighspeed, Camillo Mariottini (Honda Passione Moto), Stefano Cruciani (Honda – Improve Racing) e Gioele Pellino (Kawasaki – Pucetti Racing). In pista anche due ex-grandi del motomondiale, Mirko Giansanti e Franco Battaini, che, superati i trent’anni, tentano una seconda gioventù nel CIV, così come Alessio Corradi, altro trentenne dal passato illustre, in pista con la Yamaha del team Amadeus X One. La schiera dei piloti più maturi ma ancora altamente competitivi comprende anche Alessandro Antonello (Kawasaki – M2), Nuccio Zerbo (Yamaha – Tienne Racing) e Alex Sassaro (Yamaha – FCC). Tra i giovani una sottolineatura per Danilo Marrancone (Yamaha – WCR Bike Service) mentre appaiono già vicine ad un ottimo livello di competitività le Triumph grazie al lavoro, tra gli altri, del pugliese Flavio Gentile.


 


E infine uno sguardo alla Superbike PBR-EK che vede partire il bresciano Marco Borciani (Ducati Sterilgarda) con il casco tricolore in testa, caricatissimo dopo la recente vittoria nella prova mondiale del suo pupillo Ruben Xaus. Ovviamente a contrastarlo i soliti Luca Conforti (Honda – Emmebi Team), Alex Gramigni (Yamaha –  391 Racing), Norino Brignola (Ducati – Team Guandalini) e se le condizioni fisiche torneranno quelle di un tempo il pluricampione Lucio Pedercini (Ducati – Team Pedercini). Da inserire nel lotto dei favoriti anche i due portacolori della MV Agusta, l’ex casco tricolore della 250 G.P. Valter Bartolini e Ayrton Badovini che con i suoi venti anni è il più giovane dello schieramento.


 


Oltre alle quattro classi del CIV in gara anche le R6 Cup Series, campionato monomarca Yamaha, un abbinamento divenuto ormai tradizionale che porterà in pista circa 150 piloti.


 


La manifestazione è organizzata in collaborazione con il Moto Club Firenze e si aprirà venerdì con le operazioni preliminari e le prove libere cronometrate. La giornata di sabato sarà interamente dedicata ai turni di qualifica che selezioneranno i 36 finalisti di ogni classe che domenica, a partire dalle ore 13.35, si sfideranno per i primi punti tricolore del 2007. La prima a partire sarà la 125 GP, a seguire Superstock (14.35), 600 Super Sport (15.35) e Superbike (16.35).


La quattro finali della R6 Cup scatteranno invece, rispettivamente, alle 10.30 (R6 Leo Vince), 11.10 (R6 Santander), 11.50 (R6 Metzeler) e 12.30 (R6 Ohlins).


 


Molto popolare la politica dei prezzi: dunque venerdì e sabato ingresso gratuito; domenica biglietti invariati rispetto al 2006 con il prato € 15,00; prato ridotto per soci FMI e ragazzi dai 14 ai 16 anni € 10,00; differenza da prato a paddock € 15,00; paddock €. 30,00; gli under 13 accompagnati hanno accesso gratuito. Anche coloro che esibiranno il tagliando del biglietto già acquistato per il GP d’Italia del 3 giugno avranno diritto all’ingresso gratuito. A causa dei lavori in corso all’ingresso dell’autodromo, a chi proviene da Scarperia si raccomanda di seguire le specifiche indicazioni stradali.