Motitalia

Dietro le quinte – Marzo 2006

UNA “MACCHINA” MOLTO COMPLESSA, LA FMI. CHE PER FUNZIONARE BENE HA BISOGNO DI MOLTE RISORSE. PERCHE’ E’ NECESSARIO RISPONDERE A SFIDE SEMPRE PIU’ AMBIZIOSE, CHE PORTANO POI A RISULTATI STRAORDINARI


Cosa fa la FMI?


“Chiede soldi e manda in giro della gente con la divisa federale”.


Quanti sono, quelli che pensano così? Quante volte avete sentito dire cose del genere?


Tante? Poche? Non importa. Perché, soprattutto, NON E’ COSI’!


Ho partecipato in tempi recenti a due diverse riunioni con i Responsabili di tutti i Settori in cui si articola la Federazione. Lo scopo era “mettere sul piatto”, ad inizio anno, l’intera lista di argomenti, attività, progetti, necessità operative riguardanti l’anno 2006.


E non solo in ambito sportivo, naturalmente, perché ricordo che la FMI si occupa anche, per esempio, di moto d’epoca, di turismo, di educazione stradale, di assicurazioni. Tanto è vero che mentre è ormai ripartita tutta l’attività sportiva (e non dimentichiamo la “rivoluzione” decisa nel motocross), sono in “griglia di partenza” o addirittura già avviate molte altre operazioni: terminato da poco lo stage per i giovani del motocross negli Stati Uniti, è stata ormai inaugurata la “base” di allenamento in Belgio, è in pieno svolgimento Junior GP per i giovani nella velocità, sono già iniziati i Corsi di Educazione Stradale nelle scuole, in alcuni casi “arricchiti” della prova pratica sperimentale, stanno per iniziare i Corsi di Guida su Strada, ci occupiamo proprio in questi giorni della formazione dei Direttori di Gara come anche dei Giudici di Zona per il trial, sono in fase organizzativa gli appuntamenti in pista per le moto d’epoca (un’altra “rivoluzione”, nel suo genere), mentre stiamo cercando di rendere ancora veloce l’evasione delle pratiche relative al Registro Storico. A fine febbraio è andata “on line” la nuova versione della sezione del sito internet riservata a FMI Insurance, con una doppia offerta (per moto attuali e moto d’epoca) completamente rinnovata. Nel frattempo, tra pochi giorni si celebra la premiazione della stagione Turistica 2005, a Castelfiorentino, con lo sguardo già proteso a Berlino, dove a fine luglio verrà presentato ufficialmente il Rally FIM 2007 in Italia.


Sono soltanto alcuni esempi, quelli più vicini nel tempo, rispetto a quando leggete queste righe. Argomenti che almeno in parte conoscete già bene, peraltro, perché lo stesso Motitalia ne parla ampiamente mese dopo mese.


Cosa voglio dire, in sostanza? Una cosa già detta più volte, ma che vale la pena di ripetere. La Federazione è una “macchina” molto complessa. Che per funzionare ha bisogno di notevoli risorse umane. Chiamate ogni giorno che passa a mettere in luce un livello professionale sempre più elevato, perché sempre più professionali e sempre più sofisticate sono le attività che devono svolgere. E anche perché, di pari passo, i Tesserati diventano (giustamente) sempre più esigenti. E’ un po’ il gatto che si morde la coda, se volete, ma solo così si ottiene la certezza di crescere e migliorare tutti insieme.


Ripartono gli sconti per i Tesserati, come leggete nelle pagine successive. Si aggiungono alle agevolazioni contenute nella Guida Servizi 2006. Il nostro obiettivo è quello di aumentare continuamente il ventaglio delle opportunità offerte, cercando di accontentare sempre più desideri ed aspettative. Alcune volte si tratta di sconti diretti, altre di agevolazioni concesse attraverso i Moto Club. Le modalità sono decise da chi concede


gli sconti e non sempre è possibile ottenere la soluzione più comoda per i singoli. Ma resta il fatto che molto spesso basta usufruire di una paio di opportunità, per ripagarsi del costo della Tessera. Teniamone conto, rispetto a quanto la FMI chiede ai singoli Tesserati per prendere parte alla vita federale.


Ricordo, infine, che come ormai tradizione questo è l’ultimo numero del giornale che viene spedito ai Tesserati 2005. Dal prossimo numero in avanti, Motitalia sarà inviato solo ai Tesserati 2006 (compresi ovviamente i titolari della nuovissima Tessera Young), i cui dati siano stati inseriti dai diversi Comitati Regionali nell’archivio centrale della FMI. Sono certo che ogni Comitato farà il massimo sforzo per completare l’inserimento il prima  possibile. Sempre che i Moto Club abbiano provveduto a fornire loro le informazioni corrette e nei tempi previsti…


Paolo Sesti