Fuoristrada

Di padre in figlio. Michele Castagna è Campione Italiano Speedway

Sedici anni dopo l’ultimo successo di papà Armando, il figlio Paco Castagna si è laureato Campione Italiano di Speedway. Dopo i quattro titoli vinti nella categoria under 21, per il pilota del Moto Club Olimpia è il primo successo nella competizione senior, che ha chiuso l’epilogo stagionale di Lonigo (VI) al secondo posto dietro a Nicolas Covatti e davanti a Guglielmo Franchetti. Al via dodici piloti, con dieci italiani e due stranieri e l’esordio assoluto in campionato del giovane Lorenzo Covizzi, team Chimax Lonigo. Nelle quindici batterie disputate, era stato Mattia Lenarduzzi, vincitore del campionato nella categoria under 21, a primeggiare con quattro successi e un secondo posto, fornendo la sua miglior prestazione stagionale. Alle sue spalle si sono piazzati Covatti, che ha subito uno stop forzato alla prima uscita per un problema alla frizione, e il duo Castagna-Franchetti, che si sono aggiudicati gli ultimi due posti per la finalissima a quattro. Più staccato Nicolas Vicentin, a quota sette, che ha potuto comunque festeggiare sul podio la medaglia di bronzo grazie alla terza posizione finale in classifica. La manche conclusiva ha visto Castagna partire davanti a tutti, con Lenarduzzi e Covatti appaiati nelle prime due curve e Franchetti leggermente attardato. Covatti passa Lenarduzzi che viene a sua volta infilato da Franchetti, successivamente Lenarduzzi cade al terzo giro provocando la sospensione della manche. Squalifica inevitabile per lui e ripartenza a tre, nella quale è Covatti stavolta ad avere il miglior spunto in partenza, con Castagna secondo e Franchetti terzo, posizioni che resteranno tali fino alla bandiera a scacchi che consegna a Covatti il terzo successo di fila, che gli vale la medaglia d’argento in campionato. Attorniato dai tanti tifosi accorsi sugli spalti del Santa Matina, Castagna esprime tutta la propria soddisfazione per la conquista del titolo, ma gli rimane il rammarico di non aver chiuso con il successo di giornata: “Peccato perché ci tenevo a vincere la finale oggi, mi spiace tanto perché dopo una buona partenza dalla seconda corsia pensavo di potercela fare. Importante era portare a casa il campionato e la medaglia d’oro, mi spiace che Covatti abbia saltato una gara per infortunio, avrei preferito battermi alla pari. Quest’anno è andata male a lui, a me era toccata la stessa sorte lo scorso anno. Una bella sensazione che vorrei riprovare anche il prossimo anno, che copre in parte le delusioni personali e verso i miei tifosi per le prestazioni sottotono nelle gare mondiali ed europee. Ringrazio i meccanici che mi hanno dato una grossa mano, ricordando in particolare compianto Sossi. Una dedica particolare alla fidanzata Valeria, ringrazio tutti gli sponsor e i veri tifosi di speedway che tifano per me e non contro di me”.