Fuoristrada

Delepine (Husqvarna) e Van den Bosch (Aprilia) i migliori nelle qualifiche

Lo show ha iniziato a prendere corpo all’Oval Lingotto di Torino dove le qualifiche iridate di questa seconda prova del mondiale Supermoto 2007, dopo un’escalation di prove e provine, hanno dato finalmente corpo alla serata scaldando il timido pubblico già condizionato dal clima repentinamente cambiato dopo una bellissima giornata di sole.


 


Con le prove di ieri sera è ripresa la corsa al titolo e la novità è stata la fase clou della giornata corsa sotto i potenti riflettori che illuminavano i circa 1.200 metri di circuito appositamente allestito negli ampi piazzali degli stabilimenti ex Fiat.


 


Alle ore 21,40 sono scattate le qualifiche della classe S2 con Luca Minutilli subito il più veloce prima dell’ascesa del gruppone di scatenati inseguitori che ha visto alternarsi in testa prima l’albense leader di classifica Attilio Pignotti (Ktm), quindi il belga Gerald Delepine (Husqvarna), lo spagnolo Jorge Nestor (Aprilia) e poi un appassionante confronto a tre con Delepine, Pignotti e il britannico Christian Iddon (Aprilia) finito nell’ordine con il belga che ha fatto registrare il tempo di 1’00.662. In prima fila anche Robert Baraccani (Husaberg) che ha anticipato il pilota di origini torinesi Massimiliano Verderosa (Honda) e il bresciano Davide Gozzini (TM).


Non sono mancati momenti di grande interesse neppure nella classe S1 dove ha iniziato il carosello di pole i francesi dell’Aprilia Jerome Giraudo e Thierry Van Den Bosch con la risposta dell’altro transalpino Adrien Chareyre (Husqvarna), ma alla fine è stato il solito incontenibile “VDB” a riportare ordine staccando il definitivo “tempone” a poco più di un minuto dal temine scendendo per la prima volta sotto il minuto e anticipando così Chareyre e il nostro miglior azzurro Ivan Lazzarini in sella alla Yamaha del Team Evolution. Fabio Balducci chiude sesto davanti ai transalpini Boris Chambon (Kawasaki) e Sylvain Bidart (Honda). Decimo l’iridato Bernd Hiemer (Ktm) su Cristian Ravaglia (Yamaha), e Massimo Manzo (Husqvarna). Massimo Beltrami chiude l’ordine dei migliori quindici.


Oggi lo spettacolo all’arena dell’Oval Lingotto offerto dall’organizzazione DBO e Magic For Fun si aprirà alle 10,30 con i warm-up e poi, via via, alle prime gare finali del pomeriggio per poi chiudere la serata con le manche conclusive a partire dalle ore 19,55 con la S2 che precede la S1, ma tutto passando attraverso un programma molto ricco non solo di spettacoli ma anche di ospiti, che vedrà alternarsi nelle varie aree dall’attesissimo fuoriclasse texano iridato Superbike nel 2000 e 2002 Colin Edwards (Yamaha), ma anche Valerio Staffelli, Samantha Degrenet, Jimmy Ghione. Non mancheranno altre esibizioni come il quad e il motocross freestyle, che darà vita ad un carosello di salti spettacolari che prevede l’attrazione principe: il “back flip“, ossia il giro della morte.


 


TIME PRATICE S1: 1. Van Den Bosch (Aprilia-FRA) 59,933; 2. A. Chareyre (Husqvarna-FRA); 3. Ivan Lazzarini (Yamaha-ITA).


TIME PRATICE S2: 1. Gerald Delepine (Husqvarna-BEL) 1’00.662; 2. A. Pignotti (Ktm-ITA); 3. C. Iddon (Aprilia-GBR).


TIME PRATICE S3: Rheims (Ktm-FRA) 1’04.211; 2. Iacoboni (Honda-ITA); 3. Lavetti (Kawasaki-ITA).


TIME PRATICE EC OPEN: 1. Petr Vorlicek (Suzuki-CZE) 1’01.888; 2. H. Meusburger (Yamaha-AUT); 3. U. Nastran (Husqvarna-SLO).