Velocità

Coppa Italia, Vallelunga: pronti per la 3° tappa

Si correrà questo week-end sul circuito “Piero Taruffi” di Vallelunga la terza tappa stagionale della Coppa Italia Velocità moto. Occhi puntati sui giovanissimi protagonisti del Campionato Italiano PreGp e Sp, che rappresentano la migliore espressione del “vivaio” tricolore (molti provengono dalle Minimoto e MiniGp) e che negli appuntamenti precedenti hanno regalato spettacolo ed emozioni dimostrando di trovarsi già a proprio agio sulle piste lunghe. Impegnate anche le ragazze del Trofeo Femminile FMI “Beatrice Bossini” e gli iscritti agli altri cinque trofei che caratterizzano il programma di gare.
PREGP 125: BULEGA SULLE ORME DEL PADRE? – L’emiliano Nicolò Jarod Bulega, figlio di Davide (fino a pochi anni fa pilota di livello internazionale), ha dimostrato di essere il pilota da battere nei due round fin qui disputati. Primo nella tappa d’apertura del “Piero Taruffi”, a Misano il 13enne Bulega si è accontentato del secondo posto, conquistando 20 punti importanti per la classifica. Il pilota RMU comanda la generale con 45 punti, sedici lunghezze in più rispetto al suo più diretto rivale Lorenzo Petrarca. Sarà il 14enne teramano a recitare il ruolo di avversario numero uno di Bulega domenica a Vallelunga? Petrarca ancora non è riuscito a salire sul gradino più alto ma anche lui ha rivelato di avere una buona costanza. Dopo il terzo posto ha chiuso quarto la gara di Misano ed è pronto ad approfittare di un eventuale passo falso di Bulega per tornare nella sua “scia”. In grande ascesa anche il 13enne romagnolo Mattia Casadei: l’alfiere Metrakit si è preso una bella rivincita a Misano dopo la sfortunata prova di Vallelunga, vincendo a braccia alzate su Bulega. Da rivedere le ambizioni dell’altro tredicenne riminese “volante” Lorenzo Gabellini: bravo in occasione del primo round romano, chiuso al secondo posto ad un soffio da Bulega, non è stato altrettanto fortunato sul circuito di casa a causa di un ko al primo giro che gli ha negato la possibilità di giocarsi un risultato da top five. Tra gli altri piloti da tenere d’occhio, Filippo Scalbi, William Pisano, Matteo Romeo ma anche Stefano Manzi e il romano Mario Tocca, che a Misano hanno raccolto meno rispetto a quanto fatto vedere in prova e nelle prime fasi della gara.

Leggi tutto