Mototurismo

Coast to coast: raggiunto l’Oceano Pacifico Tour FMI alla conclusione

 L’avventura sta per finire, i nostri 19 partecipanti (più guida) hanno raggiunto l’Oceano Pacifico, dopo aver percorso trasversalmente il continente americano , partendo da New York e  dall’Oceano Atlantico . Quasi ottomila chilometri. L’ultimo report , dalla “Valle della Morte” a San Francisco. Poi, la fine del viaggio. Tutto si sta concludendo senza inconvenienti di sorta, dovuto anche alla esperienza degli organizzatori e dei motociclisti  partecipanti. FMI e la Commissione Turistica, dopo il Marocco, Capo Nord , la Libia e Tunisia, la Turchia può annoverare con un giusto orgoglio  anche questo Coast to Coast .

Pubblichiamo l’ultimo report di Mario Proserpio.

 Report 6

 La ” Journada del Muerto” cosi’ veniva chiamata la traversata della Valle della Morte, perche’ occorreva una giornata di cavallo e, con quelle temperature, una piccola distrazione, un banale incidente, erano fatali. La Valle e’ una depressione che passa dai 1.600 mt di Dante’s View ai 60 sooto il mare di Fournace Creek, la cava di borace al centro della valle, dove si raggiungono i 50 gradi. Attraversarla e’ una esperienza quasi mistica e, dopo averlo fatto ci regaliamo una sosta in un ristoro poi una bella spaghettata all’ombra degli alberi.

Per rinfrescarci, l’indomani si parte per la Sierra Nevada, salendo ai 3.000 del Tioga Pass ed entrando nel parco Yosemite, fra abeti e sequoie, non ci facciamo mancare una camminata nella foresta per le classiche foto con le sequoie giganti, altra spaghettata poi raggiungiamo Merced, pronti a ripartire per la nostra ultima tappa San Francisco. La raggiungiamo percorrendo prima strade di montagna poi costeggiando il Pacifico, meta del nostro coast to coast; ora siamo arrivati alla fine, riconsegnamo le moto, la mia segna 7.786 km, ne segnava meno di 200 alla partenza. Ora ci aspetta la cena finale ed il lungo viaggio in aereo; il tempo lo passeremo parlando del prossimo viaggio: l’anno prossimo a Capo Nord.

Report 7

Con una bella cena a base di granchi sul porto di San Francisco, seguita da un lungo viaggio aereo (fortunatamente senza i contrattempi dell’andata), si è conclusa la nostra avventura americana. Un viaggio lungo, a volte faticoso, ma indimenticabile che ci ha visto attraversare tutti gli States e parte del Canada fra panorami stupefacenti, montagne e deserti, foreste, laghi e cascate, terre a lungo sognate ed ora viste.

Ringraziamo tutti i partecipanti, in particolare Alberto, che si è preso l’onere di farci da battistrada e ha svolto l’incarico in modo impeccabile, la Macedonia Tour e la Commissione Turistica della FMI per l’appoggio fornito.