Fuoristrada

Cairoli e Philippaerts: intervista alla vigilia del Mondiale di Faenza

E’ tutto pronto al “Monti Coralli” di Faenza per il Gran Premio “Città delle Ceramiche” di Motocross delle classi MX1 e MX2, decima prova del Campionato del Mondo che si aprirà domani con le prove ufficiali.


 


Oggi sono arrivati tutti i grandi protagonisti dell’evento che riporta il grande motocross sul circuito faentino che, dopo alcuni anni di purgatorio, è tornato ad organizzare il maggior appuntamento motocrossistico a livello mondiale.


 


La pista è ubicata in uno scenario naturale fra i migliori al mondo, se non in assoluto il migliore, come hanno detto numerosi piloti e team manager al loro arrivo.Stupendo il colpo d’occhio, con il tracciato che si snoda in un anfiteatro naturale e visibilissimo e con intorno il paddok e le strutture direzionali sistemate nel meraviglioso parco di acacie, pioppi e querce secolari. Nulla è stato lasciato al caso e quindi ci sono tutti i presupposti per vedere, a partire da questa mattina, un grandissimo spettacolo che si concluderà domani con le quattro manche iridate che assegneranno punti pesanti se non addirittura decisivi per la conquista del titolo mondiale.


 


Nella classe MX2 il favorito d’obbligo è il messinese Antonio (Tony) Cairoli, leader del mondiale con ben 102 punti di vantaggio sull’immediato inseguitore, il francese Christophe Pourcel. Il portacolori della Yamaha che non ha mai corso sul tracciato faentino, si è detto felicissimo di questa seconda gara italiana, dopo l’appuntamento di Mantova che già lo vide salire sul gradino più alto del podio. Anche in questa tappa farà di tutto per continuare la meravigliosa striscia di vittorie che lo sta portando verso la conquista del suo secondo titolo iridato. Domenica sarà supportato da un gran numero di fans che verranno dalla Sicilia, si parla addirittura di diverse centinaia di persone che occuperanno una intera tribuna naturale del tracciato e che a ogni passaggio di Tony intoneranno una “ola” da stadio brasiliano. Oggi Caioroli, appena arrivato al “Monti Coralli”, ha fatto i complimenti agli organizzatori e in particolare a tutto il Moto Club Faenza che in pochi mesi ha letteralmente trasformato l’impianto di moto cross in un vero e proprio parco delle due ruote artigliate. Tony ha lasciato la sala stampa dove è venuto a salutare i cronisti con un promessa solenne “A Faenza darà il 110 per cento per vincere il gran premio e iscrivere così, per la prima volta, il proprio nome nel prestigioso albo d’oro del Monti Coralli”.


 


Nella classe MX1 parte con ottime chance l’imolese di origine belga David Philippaerts, ufficiale KTM nel team Red Bull e attualmente terzo in graduatoria del campionato del mondo MX1 dietro solo al belga Steve Ramon (Suzuki) e al leader neozelandese Joshua Coppins (Yamaha). E’ lui il pilota più atteso dagli appassionati di fuoristrada della regione, è lui che rappresenta di più l’Emilia Romagna ed è sempre lui che maggiormente ha sorpreso nelle ultime gare della sua classe dopo essere partito con il piede sbagliato, sino ad aggiudicarsi lo scorso 13 maggio il GP di Germania. Ma è lo stesso David a parlarci di questo GP “Città delle Ceramiche” che è un po’ il suo gran premio.


 


Allora David, è arrivato finalmente il GP di casa, lo temevi o lo aspettavi?


“Dopo il GP Mantova, dove ho saputo dell’assegnazione a Faenza del GP del Sudafrica, sono stato felice che si corresse innanzitutto in Italia e poi nella pista vicino al paese dove ho abitato per tanti anni e che meritava di essere rivalorizzata a tal punto”.


Com’è il tuo stato fisico al momento attuale?


“Ritengo questo particolare momento della stagione uno dei migliori dell’anno, peccato che domenica scorsa, in occasione di una gara per la Ktm, sono caduto ed ho riportato una forte contusione alla spalla destra che però ho tenuto a riposo per tutta la settimana, e comunque non sarà questo a pregiudicare la gara di Faenza”.


E la moto è a posto, o questo tracciato richiederà particolari adattamenti?


“La moto va già forte così, ultimamente è andata fortissimo e non presenta problemi di particolare importanza. Dobbiamo solo fare le consuete regolazioni che ad ogni tracciato la moto richiede, e niente di più visto che il circuito Monte Coralli è bella, veloce e molto simile alle altre”.


A proposito della pista, cosa rappresenta per te il Monte Coralli?


“Su questa pista vengo da quando ero piccolino ed ero un allievo di Andrea Bartolini. Ho sempre girato qua per allenarmi sino a due o tre anni fa quando poi mi sono trasferito a Vercelli. Facendo un giro della pista a piedi ho trovato che è molto migliorata, ben visibile, con il paddock all’ombra e degna di una manifestazione di tale portata”.


Questa sarà la tua gara, cosa possiamo promettere ai tuoi sostenitori che in questo weekend arriveranno non solo da ogni parte dell’Emilia Romagna ma anche dal resto d’Italia?


” Come ho detto sono fisicamente a posto e la moto è perfetta, ci sono i presupposti per lottare come l’anno scorso a Montevarchi e quest’anno a Mantova,ma il mio sogno nel cassetto sarebbe poter ripetere la bellissima prestazione ottenuta in Germania dove mi sono aggiudicato il gran premio. Ma se il tifo sarà davvero tanto potrei anche sperare di aggiudicarmi il GP con due grandissime vittorie di manche, proprio come accaduto a Montevarchi nel 2006 che rimarrà per me una delle gare più belle”.


 


Il programma di domani, come consueto è molto intenso e si aprirà alle ore 10.00 con le prove libere della MX2 a seguire quelle della MX1. Dalle 15.00 alle 18.00 si svolgeranno tutte le batterie di qualifica che selezioneranno i trenta finalisti di ogni classe che domenica a partire dalle ore 12.00 si sfideranno per i punti iridati.


 


 Clicca qui per conoscere gli sconti per il Gp “Città delle Ceramiche” di domenica.