Velocità

C.I. Velocità in Salita – I risultati della 3^ prova Carpasio-Pratipiani

La terza prova del campionato Italiano di Velocità in Salita si è disputata in terra Ligure in provincia di Imperia sulla bellissima strada di montagna che da Carpasio porta a Prati Piani.
Il piccolo Paese di Carpasio ha così di nuovo accolto il circus della Velocità in Salita per il quarto anno consecutivo. La manifestazione è stata coordinata dal Motoclub Squadra Corse Badalucco che come sempre si è distinto come qualità organizzativa. Numeroso il pubblico accorso alla manifestazione che grazie a due giornate di bel tempo ne ha approfittato per farsi una gita in montagna e godersi lo spettacolo offerto dai centauri. Ben 103 i piloti al via per questa terza prova di campionato, e visti i periodi di crisi che il mondo del motociclismo sta attraversando, fa ben sperare per il settore della Velocità in Salita. Come da pronostico la classifica assoluta è andata al pilota di casa Francesco Curinga che con il tempo di 1’28”04 in gara 2 si aggiudica per la quarta volta consecutiva la prova di Carpasio. Le varie classi hanno visto la vittoria di Carmine Sullo nella 125 Open, Cristian Olcese nella 250 Open, Francesco Curinga nella 600 Stock, Stefano Manici  nella Naked, Giuseppe Tarquini nella 600 Open, Loris Pedriali nella Supermotard e dell’equipaggio svizzero Pauli – Cavadini nella categoria Sidecar. Ad ampliare lo show e ricordare un leggendario passato hanno pensato le moto d’epoca in gara per la seconda prova del Trofeo Nazionale a loro dedicato nelle categorie gruppo 4 e gruppo 5 con la vittoria assoluta di Marco Burlando in sella ad una splendida Benelli.
In classe 125 Open il ligure Carmine Sullo sale sul gradino più alto del podio per la seconda volta consecutiva. Partito un po’ in sordina nelle prove ufficiali termina secondo in gara 1 e vince gara 2 aggiudicandosi la gara con 9 centesimi di secondo di vantaggio. Secondo classificato troviamo Enrico Tognocchi che subito si dimostra velocissimo sul tracciato di Carpasio riuscendo a vincere la prima manche ma a causa di un errore nelle ultime curve si vede sfuggire la vittoria per 14 centesimi. Terzo gradino del podio per Marco Queirolo che termina entrambe le manche in terza posizione. A seguire poi troviamo Davide Belletti quarto e Marco Lombardi quinto. In campionato Sullo passa in prima posizione con 119 punti seguito da Tognocchi a 101, Neri a 90, Bertoncini a 69 e Gaggini a 64.
Nella 250 Open dominio indiscusso del capoclassifica Cristian Olcese che vince con un buon vantaggio entrambe le manche di gara. Secondo gradino del podio per Davide Spadoni che con la sua Aprilia conclude tutte e due le manche in seconda posizione. Bel duello per la terza e quarta posizione dove Giacomo Airola e Guido Testoni terminano la gara a pari punti ma grazie ad un tempo migliore il terzo gradino del podio va a Airola seguito a Testoni e Andrea Ronco quinto. In campionato Olcese allunga salendo a quota 141 punti seguito da Testoni a 89, Spadoni a 76, Airola 61 e Bleggi a 61 punti.
Nella classe 600 Stock Francesco Curinga sul tracciato di casa vince entrambe le manche riuscendo così a recuperare punti preziosi per il campionato . Secondo gradino del podio per Stefano Nari che si dimostra veloce anche su questo percorso, terminando le manche di gara in seconda posizione, ma non in grado di vincere. In terza posizione poi troviamo David Lignite che con una scelta errata dei rapporti non fa registrare tempi brillanti come ci aveva abituato nelle ultime gare e conclude leggermente attardato. A seguire poi troviamo Claudio Gazzolo quarto e Michael Steger quinto. In campionato Nari rimane sempre in testa con 130 punti, Curinga recupera terreno salendo a quota 123 seguiti poi da Lignite a 97, Gazzolo a 81 e Aigor a 59 punti.
Nella categoria Naked altra vittoria per il pilota parmense Stefano Manici dove centra il terzo successo stagionale. Sul secondo gradino del podio poi ritroviamo Stefano Roascio che dopo la piazza d’onore a Spoleto si ripete brillantemente anche nella prova di casa terminando a poco più di un secondo dal vincitore Manici. Buono anche il terzo posto finale per Riccardo Marchelli che sul tortuoso tracciato di Carpasio ben si comporta con la sua piccola Kawasaki bicilindrica difendendosi egregiamente  dagli attacchi di Franco Federigi terminato poi in quarta posizione. Infine poi troviamo Ezio Musso quinto. In campionato Stefano Manici conduce a punteggio pieno con 150 punti seguito da Roascio a 96, Federigi a 95, Marchelli a 88 e Ezio Musso a 60.
Per la classe 600 Open con due primi tempi in entrambe le manche Giuseppe Tarquini centra il suo secondo successo stagionale. Secondo gradino del podio per Engl Hannes che dopo la prova ufficiale terminata in terza posizione si scatena nelle manche di gara abbassano notevolmente il tempo fatto registrare al mattino. In terza posizione poi troviamo Stefano Zanoli seguito da Alfredo Dini quarto e da Paolo Rossini quinto. In Campionato Tarquini incrementa il vantaggio e sale a 140 punti seguito da Hannes a 102, Zanoli a 77, Sacco a 60 e Storniolo a 60 punti.
Nella categoria Supermotard terza vittoria consecutiva per Loris Pedriali che anche nel tracciato di casa risulta essere il più veloce vincendo entrambe le manche. Secondo gradino del podio per Luca Gottardi, che dopo il suo anno d’apprendistato, risulta velocissimo terminando addirittura gara 1 distaccato solamente di 15 centesimi di secondo. Sul terzo gradino del podio poi troviamo Giuliano Covezzi  che nonostante il suo ritorno ad una Aprilia risulta un po’troppo distaccato dalle prime posizioni. A seguire quarta posizione per  Andrea Averame, che dopo il sabato passato da spettatore, non ha resistito a non partecipare alla gara di casa presentandosi al via la domenica mattina. In campionato Pedriali incrementa il vantaggio andando a 150 punti seguito da Gottardi a 120, Covezzi a 88, Lippi a 74 e Roversi a 59 punti.
Per la classe Sidecar dopo lo stop tecnico a Radicondoli l’equipaggio Pauli – Cavadini ritorna alla vittoria vincendo entrambe le manche di gara. Piazza d’onore per il sidecar della coppia Barbi -Doradori autori addirittura del primo tempo nelle prove ufficiali. Terzo gradino del podio per l’equipaggio Reolon – Merlo che in gara due sono riusciti a registrare il secondo tempo davanti al Sidecar di Barbi. A seguire poi troviamo la coppia Cerrone – Ascierto quarta e Simon – Sabotti quinta. In campionato Pauli – Cavadini salgono a quota 120 seguiti rispettivamente da Barbi – Doradori a 101, Cerrone – Ascierto a 97, Reolon – Merlo a 81 e Simon – Sabotti a 74 punti.
Infine per le moto d’Epoca vittoria nella classe GR4 Classiche/Epoca del pilota Giovanni Burlando che precede nell’ordine Nicolao Airola e Franco Pelagi, mentre per la classe GR5 GP 175 4T la vittoria è andata a Gianni Finelli che precede Mario Dolfi secondo e Alessio Ascari terzo. Nella GR5 GP 250 2T/4T vittoria per Giovanni Lombardi che precede Andrea Tardelli  e Luciano Adami. Per le Classiche GP vittoria di Marco Burlando, secondo posto per Roberto Lupi e terzo gradino del podio per Umberto Ricci. Nella classe Vintage vince Aurelio Lofredda e per i Sidecar Epoca vince la coppia Giacchino – Oddone.
Catalogata a questo punto anche la terza prova di questo Campionato Italiano di Velocità in Salita il circus si trasferirà in Ciociaria nella bellissima provincia di Frosinone con la salita Poggio  - Vallefredda in programma per i giorni  23 – 24 giugno 2012. Non mancate.