Fuoristrada

C.I. MX 125 e Veteran – Gli ultimi titoli a Bonini e Marini

Cardano al campo (VA) il Moto Club MV Gallarate ha impeccabilmente portato a compimento la missione: recuperare (con ampio anticipo rispetto alla gara prevista ad Asti) il Round finale dell’Italiano 125.

Il Ciglione della Malpensa è stata il degno palcoscenico  di gare che hanno tenuto tutti con il fiato sospeso fino all’ultima bandiera a scacchi che ha decretato i Campioni Italiani 125cc Junior e Rookie.

Junior – Davide Bonini (KTM Ufo Corse Maglia Azzurra) conquista il titolo con una doppia vittoria di giornata, nonostante la prima manche sia stata interamente condotta da Simone Furlotti (Suzuki Castellari) che ha perso il comando a sole tre curve dalla fine, precisamente nel tratto di waves: è li che Bonini ha segnato il sorpasso accolto con un boato dal “pubblico di casa”. A questo punto la tensione sale altissima perché al via dell’ultima gara i due si presenteranno praticamente divisi da un niente, e dunque per vincere serve solo vincere. 

Furlotti parte di nuovo in testa seguito a ruota da Bonini, ma Simone scivola banalmente in curva al secondo giro compromettendo tutto: nemmeno la grinta che sfodera per rimontare fino alla seconda posizione gli permette di trasformare la Tabella Rossa in Targa Champion 2012, che finisce meritatamente nelle mani di Davide Bonini. Riccardo Righi (KTM Steels Dr Jack) conclude giornata e Campionato al terzo posto, perdendo in queste ultime due prove forse un po’ di determinazione che ci aveva dimostrato all’inizio.
La categoria Junior premia anche Thomas Marini (Suzuki Castellari) quale Campione Italiano Rookie, secondo Giuseppe Tropepe (KTM T.D.R) e terzo Michele Baraiolo (Suzuki Pit Line).

Senior  - Felice Compagnone (Honda Pardi Racing) lascia il campo libero agli avversari, dopo essersi già portato a casa il titolo di Campione Italiano Senior 125 assegnato a Bosisio Parini con un Round di anticipo. Roberto Lombrici (TM RSR), Luca Derosa (Honda Dirty Bike 97), Giovanni Sommaruga (KTM Mc Bellinzago) e Luca Lippi (Yamaha Mc Etruria), rigorosamente citati in ordine di classifica generale di Campionato, danno spettacolo e al loro coro di due tempi si aggiunge Stefano Pezzuto (KTM Mc Fossano) che dimostra di sapere giocare bene in casa e vince entrambe le manche. Lombrici da l’impressione di essere l’unico in grado di non perdere le tracce “tassellate” della ruota posteriore di Pezzuto, Derosa e Sommaruga si scatenano e dimostrano grande preparazione fisica ma nessuno dei due riesce a passare i primi due che sembrano lanciati in fuga verso il Finish. Lippi parte male in Gara 1 e non riesce a rimontare, compromettendo così la possibilità di insinuarsi tra i “primissimi”. Nota di merito, anche stavolta, per Stefano Terraneo (Kawasaki Molinaro Racing Team) che delizia pubblico e fotografi con pieghe al limite della forza di gravità!