Fuoristrada

C.I. Motocross – Compagnone e Michele Cervellin esultano a Castiglione del Lago

 E anche il secondo round è alle spalle. Dopo l’apertura di Montevarchi (Ar), il Campionato Italiano Motocross ha fatto tappa a Gioiella – Castiglione del Lago (Pg) nell’ultimo week-end. In Umbria Michele Cervellin si è aggiudicato la vittoria nella MX2, mentre Felice Compagnone ha ottenuto il primo posto nella MX1 (scarica le classifiche). Ancora un successo per “Porte Aperte al Motocross”. 

Agonismo e colpi di scena, ma soprattutto spettacolo. La seconda prova dell’Italiano Motocross ha riservato agli appassionati  una grande giornata. I 166 iscritti (86 nella MX2, 80 nella MX1) si sono dati battaglia su un tracciato in ottime condizioni, dimostrando di non voler lasciare un solo centimetro agli avversari.

Compagnone su tutti – Protagonista del colpo di scena più grande è stato Matteo Bonini. Dopo aver vinto la prima manche di MX1 con 1’’450 su Pierfilippo Bertuzzo, nella seconda si è scontrato con un doppiato mentre era al comando. Nessuna conseguenza fisica, ma il pilota Kawasaki si è dovuto accontentare della terza piazza nella classifica complessiva. Il più bravo ad approfittarne è stato Filippo Compagnone (Suzuki), che ha sfruttato l’inconveniente accorso  e si è preso sia la vittoria di manche che di giornata. Sul secondo gradino del podio, fra Compagnone e Bonini, è salito Stefano Dami (Yamaha). Dopo due prove, il campionato vede al comando Daniele Bricca (Honda), seguito da Bonini e Bertuzzo (Yamaha).
 

Doppietta Cervellin – In questa categoria, il migliore di giornata è stato Michele Cervellin (nella foto accanto, Honda), perfetto nel vincere entrambe le manches. Nella prima ha preceduto Stefano Pezzuto (Suzuki) e Matteo Aperio (KTM), nella seconda il fratello Andrea su Suzuki e Roberto Lombrici su TM.  A questo punto Andrea Cervellin guida la classifica generale dell’Elite con 773 punti; 43 punti più in basso troviamo Pezzuto e poi Lombrici.

 
La cronaca delle gare

MX1 –  Pole position e hole shot di gara 1. L’inizio di giornata è tutto nelle mani di Lorenzo Pedri. Il trentino della Honda sembra essere in gran forma, ma dopo aver messo un buon gap tra se e il resto del gruppo, viene rimontato e superato da Bonini, bravo a rimanere in testa fino alla bandiera a scacchi. Dietro di lui, un ottimo Bertuzzo e un bravo Pedri. Il coup de theatre, però, arriva in gara 2: è ancora Bonini a dominare il gruppo, ma nell’ultimo giro si scontra con un doppiato, cade, prova a rialzarsi…ma la moto non si accende. Quando lo fa è ormai troppo tardi ed è Compagnone a salire sul gradino più alto del podio, seguito da Dami e Bricca.

MX 2 – Da terzo a primo, dal gradino più basso di inizio gara 1, al più alto della fine. Michele Cervellin deve aspettare qualche giro prima di impadronirsi della manche, ma quando ci riesce non viene più disturbato dagli avversari. Il fratello Andrea, leader della generale, rompe il radiatore e deve rinunciare a qualsiasi velleità, cedendo il podio a Pezzuto e Aperio. Nella seconda manche Michele Cervellin deve ancora darsi da fare, perché prima di guidare il gruppo deve aspettare il sesto giro, momento del sorpasso su Pezzuto e dell’inizio della corsa solitaria. Questa volta Andrea Cervellin chiude secondo mentre terzo è Lombrici.
 

Porte aperte al Motocross – Sabato è andata in scena la nuova iniziativa “Porte aperte al Motocross”, promossa da FX Action insieme al Moto Club Trasimeno e la Federazione Motociclistica Italiana – Commissione Sviluppo Attività Sportive. L’intento è quello di avvicinare al motocross i giovani da 7 anni a 14 anni attraverso le scuole del territorio: dopo il successo di Montevarchi, l’affluenza è stata molto buona anche al crossodromo di Gioiella, dove hanno partecipato circa ottanta tra bambini e ragazzi.