Fuoristrada

Bolzano – Successo dell’educazione civica e stradale alle superiori

L’iniziativa fortemente voluta dal Comitato Bolzano-Bozen. L’argomento dell’educazione stradale è sempre d’attualità. Molto è stato fatto e continuerà ad essere fatto in Alto Adige, con il sostegno della Provincia Autonoma di Bolzano e le molte iniziative che vedono coinvolti studenti delle Scuole ed Istituti Superiori italiani dell’Alto Adige.

 

“Educazione Civica e Stradale” è il titolo di un lavoro di presenza ed insegnamento che il Comitato Provinciale Bolzano della Federazione Motociclistica Italiana, grazie ad alcuni tecnici ed insegnanti di scuole guida locali e di operatori della Polizia della Strada del Compartimento di Bolzano, con il prezioso coinvolgimento dell’Assessorato alla Scuola e Cultura Italiana e dell’Intendenza Scolastica Italiana che hanno creduto in questo, ha portato all’attenzione dei giovani delle seconde e terze classi dell’Alto Adige.

Il progetto, che come dice il titolo, è di “educazione civica” prima ancora che stradale, nasce dall’osservazione che molto viene fatto, in particolare in Alto Adige, e da molti e molti anni, per giovani e giovanissimi per quanto attiene l’utilizzo della strada come spazio per la mobilità, ma che queste iniziative si concludono con il conseguimento dell’attestato di guida per il ciclomotore, per lasciare ai corsi per la patente altre riflessioni ai neo diciottenni.

Si è voluto, in sostanza, dare vita ad un progetto che unisca questi due passaggi, con una serie di lezioni che partono dal diritto alla libera circolazione delle persone, sancito dal diritto italiano ed europeo, ma nel rispetto di sé stessi e del prossimo, che utilizza lo stesso bene pubblico, sia esso la strada, la bicicletta o qualsivoglia mezzo a motore.

Il progetto, che prevede una serie di interventi con argomenti ben specifici ed un supporto informatico creato ad hoc, si chiude, per le terze Classi, con l’intervento di operatori della Polizia della Strada, che portano il loro contributo di testimonianza quotidiana di fatti ed episodi, a volte spiacevoli, ma che possono essere utili ai giovani che partecipano agli interventi.

A corollario del progetto è stato bandito un concorso d’idee al quale studenti che hanno partecipato, e che stanno ancora partecipando a questa iniziativa, possono produrre elaborati diversi, inerenti gli argomenti trattati nel progetto, che saranno valutati da una commissione istituita dall’Intendenza Scolastica Italiana e, per i migliori, saranno consegnati dei premi in occasione di una cerimonia nella sala stampa della Giunta Provinciale, alla presenza del competente assessore Christian Tommasini.