Fuoristrada

Bolzano – Educazione civica e stradale nelle scuole ed istituti di secondo grado dell’Alto Adige

L’argomento dell’educazione stradale è sempre molto d’attualità.  Sono state numerose le iniziative che hanno coinvolto gli studenti delle scuole ed istituti superiori  di secondo grado in lingua italiana in Alto Adige.

“Educazione Civica e Stradale” è il titolo di un progetto di presenza ed insegnamento che il Comitato Provinciale Bolzano della Federazione Motociclistica Italiana, in collaborazione con alcuni tecnici ed insegnanti di scuole guida locali, operatori della Polizia della Strada del Compartimento di Bolzano, con l’Assessorato alla Scuola e Cultura Italiana,l’Intendenza Scolastica Italiana e l’Assessorato alla Mobilità, sviluppa con l’obiettivo di coinvolgere gli studenti delle classi seconde e terze superiori.

 La novità importante, per l’anno scolastico 2010/2011, é l’inserimento di due moduli d’insegnamento tenuti dal personale della Centrale Provinciale di Soccorso 118, che riporta la propria esperienza quotidiana agli studenti delle classi terze superiori.  Accanto a questo, vi sono inoltre i moduli di docenza svolti da personale del Comando di Bolzano della Polizia della Strada.

Il progetto si completa con un software creato ed elaborato proprio ed unicamente per questa iniziativa e che prevede il coordinamento dei diversi docenti.

Da molti anni questo progetto viene presentato in Alto Adige sia ai giovani che giovanissimi e punta sul corretto utilizzo della strada come spazio per la mobilità : le conoscenze e le competenze dell’utente della strada devono progredire continuamente dall’infanzia fino al conseguimento dell’attestato di guida per il ciclomotore o per l’auto.

A conclusione delle ore di docenza, è previsto un concorso d’idee con elaborati prodotti dagli studenti sugli argomenti del corso stesso.

L’iniziativa, unica nel suo genere in Italia, rientra nelle linee strategiche di educazione alla cittadinanza proposte dall’Assessore Tommasini ed è soprattutto un corso di educazione alla mobilità ed alla convivenza nel rispetto delle regole civili, di se stessi e del prossimo e viene accolta con entusiasmo dai ragazzi partecipanti..