Fuoristrada

Assoluti Enduro: a Mossini il titolo italiano nella 500

Il pillota HM Honda vince la 500 davanti a Botturi, mentre Oscar Balletti è il migliore italiano della giornata al termine di una gara combattutissima che vede primeggiare Meo nell’assoluta per soli 8 decimi. Ancora da decidere il supercampione 2009 e la Unica stranieri, oltre a tre primi posti nella Coppa Italia.

 

Che giornata! E quante emozioni. Sotto il sole, e con la polvere dell’Umbria, per la precisione di Città di Castello a fare da sfondo alla penultima giornata di gara, gli Assoluti di Enduro hanno davvero vissuto una delle corse più emozionanti della stagione, con la regia del Moto Club E.Baglioni. Ben dieci speciali a impegnare non poco i 77 piloti al via, seppure tutte concentrate nel territorio del Crossodromo Ceccarini, base logistica della carovana dell’enduro italiano.

Seppure con 4 titoli su cinque già assegnati i piloti non si sono risparmiati, combattendo strenuamente per le posizioni d’onore.

 

La classifica assoluta si è decisa, tanto per far comprendere l’emozione e la tensione della giornata, solo all’ultima prova speciale, il cross test, quando Meo si è imposto su un Oscar Balletti in particolare stato di grazia oggi. E se non bastasse, per capire davvero la sfida in campo basta citare il distacco fra Meo e Balletti: 8 decimi, al termine di ben 220 chilometri di percorso e, appunto, dieci prove speciali. Mentre Fabio Mossini (HM Honda Jolly Racing) si impone su Alessandro Botturi, conquistando matematicamente, ad una gara dalla fine, il titolo della 500 – la classifica Supercampione assoluta del 2009 e la Unica stranieri rimangono ancora in sospeso con la ormai scontata battaglia fra Ahola e Meo, con l’italo-francese davanti a tutti. Ma anche la Coppa Italia domani vivrà momenti indimenticabili, con 3 vittorie ancora da decidere, a parte la Junior che Diego Nicoletti si aggiudica matematicamente perchè il suo principale antagonista, Alessandro Letey, non è riuscito ad andare oltre la quarta posizione.

 

CLASSE 125 2T – Assente Thomas Oldrati per infortunio è Roberto Bazzurri (Husqvarna) che si diverte a strapazzare i suoi compagni di classe, per primo quel Jonathan Manzi (Husqvarna CH) con il quale si sta contendendo la seconda posizione di Campionato. Manzi è secondo per 27” e precede Massimo Mangini (Husqvarna) Fausto Scovolo (Gas Gas) e Guido Conforti (Husqvarna) che si dividono la quarta e quinta posizione di classe.

CLASSE 250 2T – Nonostante fosse già campione italiano dall’ultima sfida di Carsoli, Alessandro Belometti (KTM Farioli) non si è risparmiato e ha vinto questa penultima prova per la classe davanti a Luca Cherubini (TM) che ha “tirato” per tutta la giornata, e vede alal fine il suo distacco contenuto in soli 15 secondi. La terza posizione è di Michael Pogna (KTM) e qui i distacchi si fanno più elevati visto che alle sue spalle ci sono poi Paolo Bernardi (Husqvarna) e Vittorio Conforti (Husqvarna), ad oltre due minuti dal primo.

CLASSE 250 4T – Simone Albergoni (KTM Farioli) cercava e ha trovato il suo nono successo della stagione, ed anche lui non si è risparmiato nonostante la certezza del titolo 2009. Alle sue spalle si sistema Alessio Paoli (HM Honda) che precede Maurizio Gerini (KTM Iron Team) terzo davanti a Federico Ulissi (KTM). Assente per infortunio, anche lui rimediato all’ultima tappa del Mondiale, Maurizio Micheluz.

CLASSE 450 4T – Nella 450 c’è poco da dire perchè Oscar Balletti (HM Honda Jolly Racing) già campione 2009 oggi ha strabiliato il pubblico e anche gli avversari, inanellando una serie di tempi eccezionali che lo hanno portato a vincere otto delle dieci speciali (anche se le altre due sono state vinte da Thain che di fatto non rientra nella classifica di classe). En plein dunque, per Balletti che si impone con poco più di un minuto su Fabrizio Dini (Beta Boano) mentre Alessandro Zanni e Andrea Beconi, fresco campione europeo, si devono accontentare della terza posizione, Zanni e quarta, Beconi.

CLASSE 500 4T – Battaglia incredibile fra Mossini e Botturi oggi, ma Fabio riesce a conquistare 6 speciali, lasciando le altre 4 ad Alessandro, e vincendo in questo modo la classe. Fabio Mossini (HM Honda) è campione italiano mentre Alessandro Botturi (KTM Iron Team) si deve accontentare della seconda posizione, davanti a Maurizio Facchin che sta tentando di soffiare la terza posizione a Mirko Gritti, assente per infortunio a questo ultimo appuntamento degli Assoluti.

 

La vittoria fra le squadre al Trial David Fornaroli che si impone sull’Intimiano Noseda e sul G.S. Fiamme Oro, mentre per i team vittoria dell’Iron Racing davanti a Daihatsu Terios e Mucci Racing.

Nella Coppa Italia, trofeo annesso agli Assoluti e dedicato ai piloti privi di titoli di merito, si decide oggi la sola vittoria della Junior con Diego Nicoletti (Beta) che si impone su Andrea Bassi e Nicola Savoldi ed è per questo che Letey perde la possibilità di lottare fino a domani per la conquista della classe.

Nella Cadetti ancora una vittoria per Ivan Boezi (KTM) ma Federico Peila agguanta il secondo posto davanti a Luca Spinelli mentre Alessandro Mayr è solo quarto. Ora in classifica Boezi è a quota 194 contro i 175 di Spinelli.

Decisa la Junior, nella Senior Fausto Vignola (HM Honda) si impone di misura – solo 4”.396 – su Gabriele Pagnoni (TM) e quindi solo domani si risolverà la classe, al termine dell’eterna battaglia fra i due.

E lo stesso discorso vale anche per la Major con Matteo Zoppas (Husqvarna) e Simone Zanon (Yahama) al centro di una lotta senza limite. Per tutto il giorno oggi hanno corso con i distacchi contenuti in un pugno di secondi, arrivando a partire per l’ultimo giro con lo stesso identico tempo. Alla fine è Zoppas che strappa la vittoria di giornata per soli 7”.493 su Zanon, mentre terzo chiude Gianluca Brandi. Domani si decide la Major, con Zoppas davanti per soli 6 punti sul pilota veneto della Yamaha.