Fuoristrada

Assoluti di Enduro – A Fener la penultima tappa 2012

Penultimo appuntamento con i campioni degli Assoluti d’Italia che in questa calda estate sono chiamati a sfidarsi in terra veneta, e più precisamente a Fener (BL). Sole e tanto caldo, accompagnati da qualche goccia di pioggia sono le previsioni che attendono i nostri piloti, insieme ad un impegnativo tracciato messo a punto dal Motoclub La Marca Trevigiana.
Grande suspance per questo penultimo atto del massimo campionato dello scenario enduristico italiano.
A scendere in campo sabato 7 e domenica 8 luglio, in una caldissima Fener, tra le colline della pedemontana veneta, saranno i campionissimi degli Assoluti d’Italia, affiancati come sempre dalla Coppa Italia, i quali si daranno battaglia in una due giorni davvero bollente.
Un tracciato davvero impegnativo attende i nostri 175 cavalieri dalle due ruote artigliate che animeranno le colline bellunesi e trevigiane al suono delle loro moto a due e quattro tempi. Cinquanta i chilometri totali del percorso ideato e disegnato dagli uomini de La Marca Trevigiana, organizzatore della manifestazione, in collaborazione con i motoclub della zona, che torna protagonista dell’Enduro nazionale dopo l’ottima organizzazione dello scorso anno.
Dal Parco del Piave di Fener, sede del paddock, si snoderà il tracciato che comprenderà al suo interno tre prove speciali, da ripetere quattro volte nella giornata di sabato e tre in quella di domenica, per un totale di 200 e 150 km.
Il circus dell’Enduro inizierà ad animare le vie della cittadina veneta già a partire dalla giornata di domani, quando si aprirà ufficialmente il weekend all’insegna dei motori, pronto a entrare nel vivo sabato a partire dalle ore 9.00 quando le prime moto guidate da Andrea Belotti e Mirko Gritti taglieranno i nastri di partenza di questa 6^ e 7^ prova targata 2012.
Una volta scesi dalla pedana di partenza, i nostri piloti al via affronteranno subito il primo Cross Test, situato ai piedi del paddock e che ricalca circa le fattezze della prova 2011. Salti, tronchi e pietraie impegneranno gli atleti per tutti i 3000 metri della prova prima di immettersi nel trasferimento che li condurrà dei pressi della Linea. Sottobosco e mulattieria saranno le principali difficoltà che i piloti andranno ad incontrare in questa speciale, prima di risalire l’imponente Monte Tomba che li accompagnerà nei pressi di Cavaso, dove sarà disposto il C.O.. Lasciata l’assistenza, i conduttori si sfideranno nel secondo fettucciato, situato su una collina ricca di contropendenze prima di rientrare al paddock. Al termine dell’ultimo giro di entrambe le giornate infine, sarà affrontata nuovamente la prima speciale al Parco del Piave.
Sarà una gara davvero ricca di tensioni: dando un’occhiata veloce alla classifica e facendo un breve calcolo si può notare che domenica sera potrebbero esserci diverse bandiere tricolori che sventoleranno al cielo per l’assegnazione del titolo di campione italiano 2012! Tutto potrà succedere in questo infuocato weekend, e di certo i diretti inseguitori terranno il gas spalcato per mantenere i giochi ancora aperti fino all’ultima prova di ottobre.
Sbirciando comunque le classifiche nella E1 2T con il punteggio pieno è saldamente al comando il giovane Giacomo Redondi (KTM Iron Racing Team), forte della doppia vittoria nella tappa italiana del Campionato del Mondo di Enduro. a seguirlo troviamo il toscano Guido Conforti su Yamaha e Matteo Bresolin (Husaberg GP Motorsport), rispettivamente al secondo e terzo posto in classifica.
Primo posto nella E1 per il portacolori delle Fiamme Oro Simone Albergoni (HM Honda Zanardo) che dovrà difendere il suo primato da Alessio Paoli (Suzuki RigoMoto), attualmente secondo, e da Thomas Oldrati (KTM Bordone Ferrari) che al mondiale di Castiglion Fiorentino ha collezionato un ottimo terzo posto nella sua classe. Sarà davvero una gara combattutissima, così come nella E2 dove a guidare la generale troviamo Oscar Balletti (Beta), dominatore della precedente tappa di Febbio e ora più pronto che mai a difendere il suo primato. In seconda e terza posizione troviamo Fabio Mossini (KTM Iron Racing Team) e il vincitore della Youth Cup 125 2t nella tappa del Mondiale dello scorso weekend Jonathan Manzi (KTM Bordone Ferrari).
Se nelle altre classi il distacco tra i principali pretendenti al titolo è maggiormente marcato, nella E3 a dividere Andrea Belotti (KTM Iron Racing Team) e Mirko Gritti (KTM) è un solo punticino, che alimenta ancora di più la già scintillante battaglia per il tricolore. Terza posizione, poco distante dai primi, per Maurizio Micheluz (HM Honda NSM).
Eero Remes (KTM Farioli), Aigar Leok e Antti Hellsten, entrambi su TM, sono i primi tre stranieri ad occupare il podio della classe a loro riservate, mentre nell’Assoluta SuperCampione troviamo in prima posizione Oscar Baletti (Beta), seguito da Simone Albergoni (HM Honda Zanardo) e Eero Remes (KTM Farioli).
Tra le squadre conduce la classifica generale il G.S. Fiamme Oro, con il Trial David Fornaroli e il Motoclub Lumezzane ad occupare la seconda e terza piazza del podio. L’Iron Racing Team si conferma tra i team indipendenti con la vetta del podio.
Duelli più accessi per quanto riguarda la Coppa Italia dove i distacchi sono meno accentuati rispetto alle classe degli Assoluti, fatta eccezione per la classe Cadetti dove sono ben 33 i punti che dividono Alberto Rizzini (Husaberg), primo in campionato, da Michele Cobuzzi (KTM), il quale occupa attualmente la seconda posizione. Terzo gradino del podio per Patrick Grigis (KTM), il quale non sarà presente nella tappa di Fener a causa di un infortunio.
Jonathan Zecchin (KTM) è il leader della Junior, seguito da Simone Martini (Yamaha) e Gabriel Franzetti (KTM) mentre a contendersi la vittoria nella Senior saranno Riccardo Peroni (Husqvarna) e Marco Luvisetto (KTM), i quali si sono alternati la vetta del podio nelle precedente gare, e Roberto Urgnani (KTM), terzo. Buon margine di vantaggio anche per Giordano Rossi (KTM) nella Major, seguito da Francesco de Polo (KTM) e Agostino Volpi (HM Honda).
Da sottolineare infine un’iniziativa molto importante del Motoclub La Marca Trevigiana e dell’Amministrazione comunale di Alano di Piave: tutto il controvalore del costo delle coppe, per un totale di 1500 euro, sono stati devoluti alla protezione civile per aiutare le popolazione dell’Emilia Romagna colpite dal terremoto. Davvero un ammirevole gesto da parte del motoclub organizzatore e dell’amministrazione!