Velocità

A Zaganelli (125 Sport) e Michelagnoli (600 stock) la prova della Coppa Italia Velocità a Magione

A Magione, in un’atmosfera  di tristezza, Christian Zaganelli (Aprilia) 125 Sport e Ugo Michelagnoli (Yamaha) 600 Stock, si sono aggiudicati  la seconda prova di Coppa Italia di Velocità.  


 


In un clima triste e dimesso, a causa del drammatico incidente di sabato pomeriggio, nel quale è rimasto vittima il ventiquattrenne potentino Giovanni Olivieri, si è svolta all’autodromo dell’Umbria di Magione la seconda prova della Coppa Italia di Velocità che ha visto la vittoria del marchigiano Roberto Zaganelli (Aprilia – Berga Racing) nella  classe 125 Sport e del lombardo Ugo Michelagnoli (Yamaha –Fly Racing) nella classe 600 Stock.


 


La ottavo di litro è stata falcidiata sabato al termine delle verifiche tecniche, effettuate dopo le prove ufficiali che hanno escluso ben undici concorrenti per moto irregolari, alcune perché superavano la soglia di emissioni rumorose consentite e altre perché avevano le carene modificate. Fra gli squalificati, anche alcuni piloti di primo piano, compreso il detentore della pole position Nicola Morrentino.


 


La gara è stata bella e combattuta, con Zaganelli che ha preso il comando delle operazioni e praticamente non lo ha mollato fino la bandiera a scacchi, ma ha dovuto lottare tutta la gara con il coriaceo Armando Pontone (Aprilia – Cotek 8) che in più occasioni lo ha anche superato per brevi tratti, nelle parti più guidate del tracciato umbro. Zaganelli però era più veloce nei rettilinei e così alla fine ha avuto la meglio anche se per soli ottanta millesimi. Bella anche la lotta per il terzo gradino del podio andato al napoletano Francesco Mauriello che proprio sul traguardo ha bruciato il corregionale Riccardo Russo. Sfortunato il bergamasco Michel Zonca, a lungo fra i migliori, prima di essere costretto al ritiro per problemi meccanici.


 


La classe 600 stock si è presentata con dei vuoti sulla griglia di partenza, infatti sei piloti hanno deciso di non prendere il via in seguito all’incidente accaduto sabato a Olivieri.


La vittoria è andata a Michelagnoli che ha rilevato la testa della classifica a poco prima di metà gara, quando il battistrada Nico Morelli (Yamaha – Team Labronico) scivolava a una curva, riusciva a ripartire ma ovviamente la corsa era compromessa.  Michelagnoli ha subito allungato prendendo un sicuro margine. Dietro si sono alternati più piloti all’inseguimento e alla fine la piazza d’onore è andata al romano Federico Biaggi (Yamaha – team Elle 2) che ha preceduto i marchigiani Simone Piermaria (Yamaha – Baru Recing) e Cristiano Erbacci (Yamaha – RCB). Giornata da dimenticare per l’umbro Ruggero Scambia (Yamana) partito dalla prima fila e caduto a metà gara quando era secondo.


 


Le due finali di consolazione, svoltesi nella mattinata, hanno visto il milanese Andrea Maggiora precedere Luca Volpato e Lorenzo Landi nella 125 Sport e l’alessandrino Daniele Addamo avere la meglio su Gabriele D’Alessandro e Daniele Tibaldo nella classe 600 Stock.


 


Prossimo appuntamento con la Coppa Italia il 22 giugno all’autodromo di Vallelunga