Mototurismo

A Stia si fa sul serio

In Toscana, vittoria del MC Alba

Nonostante la minaccia del meteo, il Motoraduno Internazionale dell’A.M. Alto Casentino tenutosi a Stia (AR), non ha tradito le aspettative e dal punto di vista del programma turistico, dell’intrattenimento e dell’accoglienza, ha dimostrato di essere capace di “fare qualità”. Buona la partecipazione, anche degli stranieri ma ci ha pensato il Campionato Nazionale Turistico ha infiammare l’evento.

I “grandi” del mototurismo italiano, cioè le squadre che si stanno contendendo il primato, sono scese in campo in un confronto alla pari, reso tale dalla formula che cerca di premiare sia la partecipazione numerosa che la distanza di provenienza. Poi ci si è messo anche il Moto Club Alba, forte dei suoi 38 componenti che fanno fatto saltare le previsioni della vigilia. La compagine langarola ha vinto alla grande, regolando i suoi competitor (Centauromenium, Salandra, Mugnano, Valle Argentina e Colli di Crea  nell’ordine) e rimettendo in discussione il primato dell’ammirevole moto club siciliano, che ora si trova primo ma con un margine ridotto a 133 punti, quando tutto invece sembrava già definito.

Tutto rimandato fra quindici giorni, in occasione della 7° Prova (Mugnano, 1° luglio) . I primi 5/6 Moto Club sono rimasti, dopo Stia, nel medesimo ordine della graduatoria aggiornata alla domenica precedente, ma con differenze di punteggio profondamente modificate. E l’ubicazione di Mugnano, a metà strada tra il Sud e il Nord Italia, promette un confronto veramente interessante.

Le classifiche